Pagani. Manti stradali da rifare: diffidate diverse aziende

L'amministrazione De Prisco vuole continuare l'operazione di ripristino del manto stradale sul territorio, nel mirino gli enti che hanno scavato le strade di Pagani senza agire per il ripristino dei luoghi

Pagani.
Pagani. Amministarzione De Prisco

Il manto stradale di Pagani da rifare, il sindaco Lello De Prisco scrive alle aziende che negli ultimi anni hanno lavorato senza provvedere al ripristino dei luoghi d’intervento. Chi rompe paga, o almeno sostituisce. Così il sindaco di Pagani Lello De Prisco nelle ultime ore domandato sul prossimo rifacimento del manto stradale nelle principali strade della città di Sant’Alfonso.

Conncetivia voucher 2,5

I lavori da portare avanti

Tantissime le vie che entro fine 2023 verranno investite da cantieri, con gli uffici comunali coordinati dall’assessore delegato Augusto Pepe che stanno costruendo man mano una programmazione destinata a durare anche più di un anno. Da via Alcide De Gasperi, Via Mangino, via Salerno, fino a via Cesarano, via Salerno, via Niglio e via Corallo, andando dalla periferia al centro storico. Molti lavori sono stati già organizzati dall’amministrazione De Prisco, che vuole nel nuovo anno però puntare a fare cassa per nuovi interventi verso la fine del mandato. La ricerca dei fondi, oltre che attraverso i bandi di caso, passa anche tanto dall’interlocuzione iniziata tra palazzo San Carlo e tutti i privati che negli ultimi cinque anni sono stati protagonisti di lavori di scavo senza poi curare il lavoro di ripristino del manto stradale. “I lavori di asfalto includeranno tutta la città, tanti interventi che autorizzeremo pian piano anche secondo il piano traffico. Abbiamo portato avanti un’azione di risarcimento nei confronti delle tante aziende ed enti che hanno operato nel nostro territorio e che poi non hanno asfaltato la carreggiata. Quindi ci aspettiamo anche ulteriori cantieri” è stato il passaggio del sindaco Lello De Prisco in un intervento mediatico.

I fondi da trovare

A specificare il passaggio l’assessore delegato alle infrastrutture Augusto Pepe, che sottolinea l’azione amministrativa di un ente che negli ultimi anni ha subito torti gravissimi. “Dal 2014 ad oggi è stato permesso la qualunque a chiunque, senza prevedere mai a lavori conclusi bitumazioni o altri interventi” ha esclamato Pepe, pronto però a rivalersi nei confronti delle società inadempienti “Siamo pronti a richiedere attraverso sanzioni e non solo tutto ciò che è stato negato al comune di Pagani in questi ultimi cinque anni, il massimo che ci consente la Legge prima della prescrizione. Passeremo anche in consiglio comunale per l’inasprimento delle sanzioni affinché in futuro non succedano più episodi del genere, puntiamo a guadagnare somme da utilizzare già nel prossimo futuro per continuare la messa in sicurezza stradale della città”.