Angri. Senso unico a Via Satriano. Ricorsi al TAR e richieste risarcimento danni

Angri. In poco meno di un mese la contestata ordinanza che dispone il senso unico per Via Satriano ha prodotto una discussa “discriminazione territoriale”

Angri Via Satriano - Agro24
Angri Via Satriano - Agro24

Angri. Senso unico a Via Satriano. Ricorsi al TAR e richieste risarcimento danni

Ricorsi al TAR e richieste di risarcimento danni. In poco meno di un mese la contestata ordinanza che dispone il senso unico nell’intersezione tra la Via Dei Goti e Via Satriano ha prodotto un vero “disastro sociale” e una discussa “discriminazione territoriale” conseguenza anche di deroghe ad hoc, concesse dal Comune di Angri, all’acceso e al transito di grossi mezzi pesanti nel Parco Satriano che stanno producendo ingenti danni strutturali anche alle strutture abitative.

Conncetivia voucher 2,5

La mobilitazione di Parco Satriano

Proprio su Parco Sartiano si stanno mobilitando i residenti per evitare ulteriori danni alle loro abitazioni conseguenza del passaggio continuo di grossi mezzi diretti nelle vicine aziende industriali confinanti con il comune di Sant’Antonio Abate. Proprio le aziende site sul territorio abatese sono state oggetto discriminante della mancata deroga al passaggio nel parco Satriano intrecciando e ingarbugliando ulteriormente una confusa e approssimativa situazione già tesa tra i due comuni confinati.

Ricorso al TAR di abatesi e angresi

Proprio le stesse aziende abatesi hanno fatto ricorso al TAR chiedendo la sospensiva della discussa ordinanza di Polizia Locale alle quali si sono aggiunte anche alcune attività angresi ritenendo che l’ordinanza non sia stata effettivamente ragionata con le parti. Conseguenze a cascata che rischiano di travolgere i responsabili dell’ordinanza che potrebbero essere chiamati in causa anche per procurato danno. La vicenda è tutt’altra che archiviata con cittadini, imprenditori e amministratori sul piede di guerra e pronti a spostare la discussione “nelle opportune sedi”.

Luciano Verdoliva