Parola alla psicologa Edda Cioffi. “Come comunicare con i bambini”.

Il gioco: Attraverso l'attività ludica non solo nostro figlio sperimenta le sue aree cognitive ed affettive, ma  esso diviene un canale comunicativo affinché possa esprimere ciò che non  può dire a parole.

Psicologa - Edda Cioffi
Psicologa - Edda Cioffi

Come comunicare con i bambini.

I principi cardine per entrare nel mondo emotivo dei propri figli.
Quanto è complesso congiungere vita privata e pubblica, famiglia e lavoro?
Per noi donne tantissimo!
I sensi di colpa alcune volte causati dalla società più che dal nostro “Io” sono tanti….troppi.
Ovviamente gli strumenti di un terapeuta potenziano la capacità di  fronteggiare tali ostacoli che ogni donna si trova dinanzi al suo cammino.
Sulla base della mia professionale ecco a voi tre consigli/informazioni per sentirsi consapevoli nel nostro essere donne totalmente e in tutte le sfaccettature:

Non dare tutto e troppo ai propri figli: se do tutto a mio figlio non genero in lui il desiderio, la voglia di arrivare da solo e con le sue forze ad un obiettivo.  La mancanza di desiderio (sin da molto piccoli) crea apatia ed in alcuni casi sintomi depressivi, ovviamente a lungo termine. Quindi attenzione a dare troppo senza indurre a quel   senso di “mancanza” che invece può essere educativo. Attenzione alla qualità più che alla quantità : Dedicare tanto tempo ma con totale assenza di qualità lo rende nullo. Curare il tempo in ogni attimo, avendo cura di noi stessi e del nostro bambino aiuterà l’armonia della relazione madre-figlio e della famiglia.

Il gioco: Attraverso l’attività ludica non solo nostro figlio sperimenta le sue aree cognitive ed affettive, ma  esso diviene un canale comunicativo affinché possa esprimere ciò che non  può dire a parole. Mi riferisco anche  a disagi e sintomi che possono essere una manifestazione di uno squilibrio relazionale . Ovviamente non esiste una mamma perfetta,  né tanto meno una formula magica , infatti queste sono solo piccole informazioni per rendere più semplice il nostro complesso ruolo di madri e donne in carriera.