Ischia. Ad un mese dalla frana una fiaccolata in ricordo delle vittime

Il giorno del ricordo e del dolore, fiaccolata silenziosa per le 12 vittime della frana

fiaccolata ischia foto ansa

Il ricordo

12 le vite spezzate, portate via dalla frana il 26 novembre scorso. Oggi ad un mese esatto dalla tragedia l’isola d’Ischia in un unico abbraccio ha ricordato le vittime con una fiaccolata silenziosa alla presenza di don Gino Ballirano parroco di Santa Maria Maddalena (la chiesa che sorge a poca distanza dalle zone più colpite dalla frana), del commissario straordinario Legnini, del commissario prefettizio di Casamicciola Calcaterra e degli altri sindaci isolani.

La ‘Luce della Pace’

Intorno alle 18 centinaia di persone, come riportato dall’Ansa, si sono radunate in piazza Marina a Casamicciola per accendere le candele con la ‘Luce della Pace’, donata dagli scout del M.A.S.C.I. regionale ed attinta alla lampada che illumina il luogo della nascita di Gesù, a Betlemme

La fiaccolata

La fiaccolata ha raggiunto piazzale Anna De Felice, che porta il nome della ragazza vittima della alluvione del 2009 ed ha poi fatto ritorno nella piazza principale del comune ischitano; poco dopo don Gino ed i sindaci hanno raggiunto, con mezzi dei vigili del fuoco, piazza Maio ed il Celario – la zona in cui sono morte tutte le vittime della frana – per deporre una lampada.

Il dolore

Oggi è il giorno del ricordo e del dolore, ma anche di riflessione sulla condizione di incertezza che tante famiglie stanno vivendo. Oltre 400 gli sfollati, la maggior parte dei quali accolti in strutture alberghiere riaperte per l’emergenza. A questi si sono aggiunti molti altri costretti, dopo i successivi bollettini di allerta meteo, a lasciare le loro abitazioni per sicurezza, in attesa del piano di emergenza definitivo a cui sta lavorando il commissario straordinario.