Pagani. La denuncia della FIALS “Assunzioni illegittime”

Il segretario generale Domenico Merolla scrive a Prefettura e alla Regione Campania, non convincono le ultime assunzioni arrivate attraverso la mobilità volontaria

Fials
Fials

Dalla Fials si lanciano nuove accuse nei confronti di palazzo San Carlo e Sam rispetto le ultime assunzioni in mobilità volontaria. Una procedura di assunzioni illegittima  culminata da candidature risultate idonee anche se privi di requisiti di dipendente di pubbliche amministrazione. E’ una furia il segretario generale della federazione italiana autonoma lavoratori ambiente e servizi Domenico Merolla, che nelle scorse ore ha anche inviato una nota alla Prefettura e alla Regione Campania.

La rabbia della FIALS

Il sindacalista è estremamente critico nei confronti dell’ultimo progetto messo in campo da palazzo San Carlo per rimpinguare l’organico al collasso. Merolla se la prende in particolar modo con la segreteria comunale, rea di aver accettato le assunzioni di più candidati proveniente dalla Sam, e in generale di aver reputati idonei candidati privi del requisito di dipendente di Pubbliche Amministrazione. L’errore per la Fials è a monte e riguarda la stessa valutazione dei lavoratori della Sam, anche in riferimento a chi lavora nel ciclo dei rifiuti a costo zero perché proveniente dalle lista di disponibilità di Cub e Consorzi di Bacino della Regione Campania. Non può passare da Sam a palazzo San Carlo nessun lavoratore se non con i giusti presupposti che la società partecipata non garantisce. Questo il pensiero. “È il caso di evidenziare che la società SAM Pagani, ancorché con Socio Unico il Comune, non è una Pubblica Amministrazione per cui nessun dipendente può partecipare alle sopra richiamate procedure di mobilità. Per chi rilascia il nulla osta e relativa  certificazione?” scrive Domenico Merolla, che continua “Sorge spontanea la considerazione/coincidenza che vincitori della irregolare procedura di  mobilità provengano all’80% da SAM Pagani, riserva di caccia molto prolifica anche  ricordando le già denunciate disposizioni di servizio promosse dall’attuale Commissario Delegato p.t. che producono inutili aggravi di costi per la collettività”.

Aggravanti e risposte

Merolla infine sentenzia anche sui lavoratori in lista disponibilità ”Costituisce aggravante la fattispecie che vede il Comune di Pagani ricorrere ai benefici della LRC 14/2016 e s.m.i. utilizzando i Lavoratori del CUB a costo zero, anche per le fasi di raccolta, per poi dimenticare che per colmare i vuoti d’organico l’Ente avrebbe dovuto attivare la procedura di mobilità obbligatoria e formulando istanza all’ORMEL, come fanno tutti gli Enti Locali”. L’amministrazione comunale è pronta a difendersi, anche con il parere tecnico della stessa segretaria comunale, ma ci tiene subito a chiarire una cosa. “E’ una grandissima bugia parlare di queste percentuali di assunzioni tra Sam e Comune di Pagani nell’ultima lista di mobilità volontaria” ha chiuso il consigliere comunale Davide Nitto.