Scafati. Il PD non risolve i suoi dubbi, prove di unione a destra

Il punto politico: anche Michele Russo palesa dubbi tra i democratici, il centrodestra continua a corteggiarsi nelle dichiarazioni dei suoi rappresentanti

Scafati comune
Scafati comune

Il centro-sinistra continua la propria riflessione interna, si parte dal 2019 ma Michele Russo difficilmente sarà candidato sindaco. Nonostante le dichiarazioni del coordinatore locale del partito democratico Giuseppe Fontanella, l’ex candidato alle scorse elezioni non è sicuro della riconferma, anzi.

Una realtà diversa

Rispetto ormai a 4 anni fa la situazione è evidentemente cambiata, tra nuovi protagonisti e ambizioni del caso. Rilevante in questo senso le new entry della famiglia Fogliame, Antonio padre e Virginia figlia, con quest’ultima che ha anche espresso la propria intenzione a candidarsi come volto di coalizione. A lato l’ambizione di Michele Grimaldi, ex coordinatore del PD e pronto a diventare protagonista.

Russo e i dubbi leciti

Russo nello stallo riflette, dichiarando come “Al momento sono sono né candidato consigliere né candidato sindaco, ho avuto modo di confrontarmi con Fontanella e ci dovrá essere un progetto comune e condiviso”. L’ex consigliere della coalizione Insieme per Scafati ha legittimi dubbi di parte sull’impronta politica dettata dal partito che inizia dal risultato delle elezioni 2019. “Siamo stati la coalizione di centro sinistra piú votata da oltre 10 anni, dimostrando grandi capacità in consiglio comunale in opposizione al governo Salvati.” Continua Russo “Spero che si prenda in considerazione l’impegno profuso in questi anni, tenuto conto che nel 2019 le elezioni sono state perse e c’è bisogno, quindi, di migliorare”. Se la posizione di Russo rimane quindi intermedia e a disposizione del partito e della storica coalizione del 2019, a centrodestra continuano a palesarsi posizioni decisamente più nette.

Centrodestra unito? La Lega c’è

È il turno ora della Lega, che accoglie l’appello di Forza Italia verso una riunione della coalizione che a livello nazionale è stata capace di stravincere alle ultime elezioni di settembre 2022. “Una coalizione di centrodestra unita e coesa è una soluzione praticabile e vincente. Siamo pronti a mettere sul campo l’esperienza maturata in questi anni. Oggi abbiamo l’opportunità di collaborare ad un grande progetto politico nell’interesse della città di Scafati, la Lega è pronta a dare il suo forte contributo.” scrive il coordinamento locale della Lega che vede a capo Vincenzo Porpora “Accogliamo l’appello di Forza Italia e di Teresa Formisano, chiediamo a Fratelli d’Italia di risolvere le questioni interne, è in gioco il futuro della città, siamo pronti ad un tavolo di confronto per stilare un programma unitario per amministrare una città con grandi risorse e capacità.E’ necessario un cambiamento, si facciano avanti i piu’ giovani, ci vuole coesione tra le forze politiche, chi lavora per spaccare è nemico della città, si faccia da parte. Le risorse ci sono, abbiamo le idee chiare sul da farsi, bisogna dare impulso alle cose già iniziate e programmare il futuro”.