Angri. Sicurezza, chiesti fondi per la videosorveglianza

Il progetto denominato “Sicurezza ad Angri 4.1” è stato presentato dal comando della polizia locale guidato da Anna Galasso e approvato dalla giunta del sindaco Cosimo Ferraioli

Telecamere di videosorveglianza in Piazza Doria
Telecamere di videosorveglianza in Piazza Doria

Sicurezza urbana, il Comune ha chiesto fondi al Ministero dell’Interno per la videosorveglainza.

Il progetto denominato “Sicurezza ad Angri 4.1” è stato presentato dal comando della polizia locale guidato da Anna Galasso e approvato dalla giunta del sindaco Cosimo Ferraioli. L’amministrazione a seguito di un accordo con la Prefettura di Salerno ha inoltrato istanza al Viminale per l’ottenimento di 162mila745 euro per poter installare numerose telecamere.

Lo scopo è accrescere il controllo di strade e piazze al fine di limitare episodi delinquenziali: un utile deterrente già esistente in altre realtà. Palazzo di Città cofinanzierà il progetto con risorse proprie pari a 20mila euro. È scritto nell’atto che “il Comune intende rafforzare le azioni di prevenzione e di contrasto alle forme di illegalità nei punti sensibili del territorio: centro storico, zona residenziale urbana, aree a valenza commerciale, aree con presenza di scuole, luoghi di culto religioso, zone di transito verso territori comunali limitrofi, punti sensibili di ingresso e uscita dalle autostrade e dalle arterie di collegamento veloce”.

L’obiettivo è migliorare la percezione di sicurezza e contrastare le forme di illegalità prevenendo i fenomeni di criminalità diffusa e predatoria e promuovendo il rispetto del decoro urbano.

Pippo Della Corte