Scafati. Criscuolo va in pensione, la Protezione Civile sarà scoperta

Ad Ottobre lo storico dipendente della Protezione Civile lascerà palazzo Mayer, sarà emergenza senza assunzioni

Scafati Comune
Scafati Comune

Michele Criscuolo detto “Il cucciolotto” va in pensione, la Protezione Civile di Scafati torna a contare su un unico dipendente comunale. Dopo oltre 40 anni di servizio nel comune di palazzo Mayer, lo storico volto della protezione civile locale lascerà il suo storico pick up truck, ma ora bisogna investire quanto prima in un servizio fondamentale visto il territorio continuamente colpito da eventi di natura straordinaria.

Il personaggio

Sempre disponibile e pronto a dare una mano alla cittadinanza quando serve, Criscuolo è uno dei volti più rappresentativi della città dell’agro. Da decenni impegnato in momenti alluvionali e non solo, negli ultimi anni in particolare è stato spesso l’unico guerriero a soccorrere le famiglie locali colpite dalle diverse alluvioni. Quanti muri d’acqua ha dovuto affrontare tra via Longole, piazza Garibaldi e ancora prima Via Passanti, via Poggiomarino o San Pietro, in vere situazioni di pericolo prima personale e poi collettivo. Con il veicolo in dotazione Criscuolo ha affrontato veramente di tutto, salvando vite umane in tanti casi, permettendo passaggi in laghi di melma anche a rischio della propria incolumità per permettere l’acquisto di beni di necessità o l’accesso a scuola per i più piccoli.

Problemi strutturali

Tanto orgoglioso lavoro spesso compiuto nella solitudine del suo ufficio, che non prevedeva da anni nessun altro dipendente. Ad interrompere questo fenomeno ci ha dovuto pensare il commissario prefettizio del comune di Scafati Antonio D’Acunto, che da poco insediatosi ha previsto all’interno dell’ufficio l’assunzione di un giovane dipendente di categoria C. Un gesto da plauso per il Prefetto, ma che lancia per l’ennesima volta l’allarme nei confronti della politica locale, che dovrà urgentemente attivarsi una volta conclusa la fase elettorale. Michele Criscuolo infatti a partire dal prossimo primo ottobre, secondo quanto deciso da palazzo Mayer, potrà lasciare il comune per l’agognata pensione, comportando quindi una necessità reale per il comune di Scafati.

Un futuro da scrivere

Già ad oggi la situazione è estremamente complicata e vede una partecipazione obbligata della Polizia Locale nei compiti di Protezione Civile, gli unici a supportare il lavoro di Criscuolo attraverso tante operazioni di presidio. La cittadinanza, soprattutto dopo l’ultimo inverno che si è contraddistinto per gli allagamenti in piazza Garibaldi e in via Longole, chiede a gran forza il rafforzamento del servizio prima dell’arrivo del prossimo inverno, che rischia di essere completamente scoperto.