Angri. Intitolata una strada a Diodato Ferraioli, fondatore della Doria 

Si tratta della strada, oramai ex bretella m2, che l' amministrazione comunale guidata da Cosimo Ferraioli ha voluto dedicare a Diodato Ferraioli, fondatore dell’importante industria alimentare La Doria,  da sempre un riferimento per Angri, conosciuta in tutto il mondo.

Angri. Intitolata una strada a Diodato Ferraioli, fondatore della Doria.

La strada

Si tratta della strada, oramai ex bretella m2, che l’ amministrazione comunale guidata da Cosimo Ferraioli ha voluto dedicare a Diodato Ferraioli, fondatore dell’importante industria alimentare La Doria,  da sempre un riferimento per Angri, conosciuta in tutto il mondo.

La cerimonia

Si è svolta stamattina la cerimonia di intitolazione della strada, oramai la ex bretella m2, definita la nuova porta della città, a Diodato Ferraioli, fondatore della Doria, una delle industrie di trasformazione alimentari più importanti al mondo. Una cerimonia sobria, ma intensa, che si è tenuta alla presenza dei tutta la famiglia Ferraioli, di autorità civili e con il supporto di Don Luigi La Mura che ha benedetto la targa e il luogo dove essa sorge.

Il convegno

Subito dopo al palazzo Doria, nella sala degli affreschi, si è tenuto il convegno di approfondimento e di illustrazione del percorso che ha portato alla decisione, da parte dell’amministrazione, dell’intitolazione della strada all’industriale che ha avuto l’intuizione, nel 1954, di fondare una identità importante nel campo della trasformazione delle conserve alimentari e che i figli poi hanno portato a livelli mondiali.

L’industria La Doria.

Ricordiamo che “La Doria” è un’industria quotata all’MTA, il mercato telematico azionario, esattamente è uno dei quattro comparti del mercato di Borsa. E’ attualmente il primo produttore europeo di pelati e polpa di pomodoro nel segmento retail, il primo produttore europeo di legumi conservati nel segmento retail, il primo produttore europeo di sughi pronti a marchio privato e uno tra i principali produttori italiani di succhi e bevande di frutta. Insomma un vero e proprio colosso dell’industria alimentare.

I lavori a Palazzo Doria

Ha aperto i lavori, con i saluti istituzionali, il Sindaco Cosimo Ferraioli, subito dopo è intervenuto l’amministratore delegato della Doria, dottor Antonio Ferraioli che è anche presidente di Confindustria Salerno. A seguire l’intervento del presidente onorario dell’organismo di vigilanza della Doria, dott. Sergio Persico. A seguire il saluto di don Lugi La Mura. Ha chiuso gli interventi l’assessore alla politiche scolastiche Giusy D’Antuono. A moderare il vicesindaco e assessore alla cultura Antonio Mainardi.

Un evento importante che lascerà ai posteri un ricordo indelebile di una persona lungimirante che ha fatto tanto per Angri e per molte generazioni di angresi.

Aldo Severino