Sarno. Aree vincolate nel Parco: è scontro politico

Sarno. Approda in consiglio la proposta della minoranza di delibera per intervenire sulle pratiche edilizie ricadenti dell’area dell’Ente Parco

Giovanni Cocca - Agro24
Giovanni Cocca - Agro24
Sarno. Aree vincolate nel Parco: è scontro politico

Approda in consiglio comunale una proposta della minoranza di delibera per intervenire sulle pratiche edilizie ricadenti dell’area dell’Ente Parco, pronta però la bocciatura della maggioranza e il rinvio della discussione.

La polemica

Nessuna interlocuzione pregressa tra le parti e diverse visioni producono il flop in assise, in un clima sempre più infiammato. La minoranza guidata dal primo firmatario Giovanni Cocca, lo scorso primo giugno, ha presentato la richiesta di regolamento definitivo per stabilire le procedure inerenti alle pratiche edilizie e di un atto di indirizzo per eliminare dal perimetro dell’Ente Parco regionale del fiume Sarno, con i centri storici di Episcopio e Lavorate su tutti.

La posizione di Cocca

“Dopo una serie di incontri istituzionali con il presidente dell’Ente Parco, con i suoi funzionari e con i dirigenti regionali preposti alla gestione dei parchi e delle risorse naturali protette, abbiamo aperto un tavolo di confronto per la risoluzione delle problematiche legate alle richieste di nulla osta per lavori di manutenzione straordinaria all’interno degli immobili, per lavori di efficientamento energetico e per il diritto di prelazione sulla vendita di immobili – ha spiegato il consigliere comunale Cocca – . Su temi così delicati e rilevanti per l’interesse della collettività, abbiamo sempre auspicato un’unità di intenti ed uno spirito collaborativo che superasse ogni forma di divisione politica. Purtroppo dobbiamo constatare che, attualmente, nessun atto è stato prodotto, né proposto, dall’amministrazione comunale di Sarno in merito a queste problematiche”.

La maggioranza

La maggioranza in assise ha bloccato le richieste dell’opposizione per prendere tempo ed esaminare nello specifico le diverse richieste, in particolar modo riferite alle nuove perimetrazioni dell’area dell’Ente Parco. Allo stesso modo però su molti argomenti sottolineati, palazzo San Francesco è a lavoro da tempo attraverso interlocuzioni dirette con Regione e altri Enti. “Avevamo chiesto, in vista del consiglio comunale, di poter esaminare nelle commissioni le varie questioni, possibilità non concessa dall’opposizione. Si intersecano nell’argomento diverse responsabilità di enti e temi molto delicati che meritano la giusta attenzione – ha assicurato l’assessore all’Edilizia pubblica, Emilia Esposito -. Per quanto concerne il tema pratiche edilizie siamo a confronto da tempo con Ente Parco e Regione Campania per studiare le soluzioni ad hoc. Ci sarà sulla questione generale anche un seminario con interventi di esperti ed avvocati amministrativi. La perimetrazione è un altro tema sul tavolo da tempo, bisogna però dare priorità alla tutela del territorio”.

Alfonso Romano