Sarno. Il centro destra chiede la dimissioni del sindaco (video)

Sarno. Chieste le dimissioni. Il sindaco Giuseppe Canfora nel mirino del centro destra e in particolare di Forza Italia

Sarno. Il centro destra chiede la dimissioni del sindaco (video)

Il sindaco Giuseppe Canfora nel mirino del centro destra e in particolare di Forza Italia. Atto della nuova discussione politica è la sentenza condanna definitiva per tentata concussione all’Asi, di Canfora allora presidente della Provincia. Il centrodestra compatto chiede un incontro con il Prefetto di Salerno per sollecitare il rapido scioglimento del consiglio comunale.

Guarda anche Salerno. Contro esodo da bollino nero sulle autostrade (video)

Il dito puntato di Agovino

Il referente di Forza Italia sarnese Giuseppe Agovino parla chiaramente di “Un governo abusivo” mettendo in discussione anche le dichiarazioni delle ultime ore di diversi esponenti a supporto del sindaco, ex presidente della Provincia. Alcuni consiglieri di maggioranza, a domanda sul futuro elettorale cittadino, hanno glissato sugli interventi in merito, giustificando come l’azione di civici e democratici sia concentrata sul tramonto amministrativo, che passa per la progettazione e l’esecuzione di diversi progetti del Pnrr. Una situazione istituzionalmente pericolosa secondo Agovino che, dopo la condanna di Canfora per il caso Asi, consumatosi durante il suo governo provinciale, avrebbe creato preoccupante cortocircuito istituzionale.

Lettera al Prefetto per chiedere lo scioglimento del Consiglio Comunale

Da qui la necessità di scrivere formalmente al Prefetto di Salerno Francesco Russo, chiedendo un incontro che possa chiarire l’eventualità dello scioglimento anticipato del consiglio comunale. “Ci fa piacere sperare che a Sarno possano arrivare finanziamenti del PNRR per progetti di utile collettività, ma non dovrebbero essere amministrati da un ente che dovrebbe essere decaduto. È una contraddizione grave, non possiamo dare fondi strategici ad un’amministrazione abusiva” afferma Agovino.

Il servizio è di Alfonso Romano