Sport. Un Angri pirotecnico nel primo tempo supera l’esame Rotonda

La squadra di Liquidato in trasferta segna tre gol nei primi 45', nel secondo tempo il Rotonda accorcia ma finisce in 9 senza agguantare il pari

Angri corsaro nel segno del giovane 2005 Simone Ascione, che con un gol e un assist guida un primo tempo spettacolare del cavallino con il Rotonda. Tre reti nei primi 45’ ipotecano la vittoria a fine gara nonostante il ritorno dei lucani fino al 2-3, ma i padroni di casa finiranno anche la partita in 9. Altalena di emozioni nel potentino dove a brillare è la stella esterna dei grigiorossi, che conferma la bontà delle scelte della società sui giovani in squadra.

Primo tempo

L’ex Victoria Marra sblocca la partita già dopo 5 minuti, quando è letale ad avventarsi sulla palla a pochi metri dalla porta dopo una respinta del portiere avversario Caruso non perfetta. Il colpo è duro per il Rotonda che prova a risalire senza successo, finendo sempre più sotto il dominio avversario che raddoppia al dodicesimo. Ancora Ascione sulla sinistra serve un pallone importante a bomber Fabio Longo, che non sbaglia la conclusione in area di rigore. La squadra di mister Stefano Liquidato dilaga sempre di più intorno alla mezz’ora, esattamente al minuto 32 quando la ciliegina sulla torta arriva da calcio d’angolo. La soluzione da fermo premia lo stacco imperioso di Allegra su un ottimo piazzato di Palmieri, tramortendo i padroni di casa.

Secondo tempo

La seconda frazione inizia con uno scontro a viso aperto tra le due squadre, dovuto anche ad un atteggiamento del Rotonda più spregiudicato e alla ricerca di un episodio che possa riaprire la partita. L’Angri continua ad essere pericolo nei primi minuti con Longo, che spedisce tra le braccia di Caruso una buona intuizione di Palmieri, e Ascione, ma rischia già intorno l’ora quando il centravanti Fernandez prende un incrocio dei pali a tu per tu con Palladino. Il gol arriva a poco meno di venti minuti dalla fine della partita per opera di Lautaro che, servito da Cajazzo sulla destra, è pronto con la deviazione decisiva. La marcatura galvanizza i lucani che riescono dieci minuti più tardi ad entrare a contatto con gli avversari in termini di risultato. Il definitivo 2-3 al minuto 82 lo segna proprio Fernandez, che non sbaglia stavolta davanti alla porta. Risultato definitivo perché l’Angri fino al termine della gara resisterà alle folate dei padroni di casa, aiutati anche da due espulsioni tra le fila del Rotonda. Al minuto 84 infatti il neoentrato Mirante falcia da dietro Herrera, comportando la prima espulsione per l’arbitro, che dovrà ripetersi al novantesimo con un fallo da ultimo di Dridi su Ascione, reputato anche questo rosso diretto. Herrera centra anche la traversa sul successivo calcio di punizione e il match termina così in favore dei grigiorossi, in piena metà classifica con 9 punti in 6 giornate.

Tabellino

ROTONDA (4-3-3): Caruso, Dridi, Coulibaly (30’pt Carrozzino), Cozza (27’st Desabato), Alari, Callegari, Cajazzo, Brunet (14’st Mirante), Fernandez, Marino (33’st’ Barile), Kruzikas (1’st Faust). A disposizione: Njie, Bran, Sollini, Ferre. Allenatore: Pagana

ANGRI (4-3-3) : Palladino, Picascia, Palmieri (30′ Mansour), Longo (30’st Giorgio), Herrera, Allegra (15’st D’orsi), Manè, Kljajic, Sabatino (26’st Marasco), Fabiano ( 21’st De Marco), Ascione. A disposizione: Scarpato, Cordato, Celiento, Di Mauro. Allenatore: Liquidato
Arbitro: Acquafredda di Molfetta. Assistenti: Gorgolione e Dellaquila di Barletta
MARCATORI : Ascione 5′ (A), Longo 12′ (A), Allegra 32′ (A), Fernandez 72′ (R) Fernandez 82′ (R)
Note: AMMONITI : Allegra (A), Fernandez (R), Palmieri (A), Kljajic (A), Manè (A). ESPULSI: Mirante (R) Drudi (R). ANGOLI : 6-7. RECUPERO: 3′ pt, 6′ st.