Scafati. Ohana, il centro per la famiglia della consortile (video)

Scafati. “Ohana” è il primo centro per la famiglia creato dalla società consortile “Comunità Sensibile”. Luogo di tutela e assistenza psicologica

Scafati. Ohana, il centro per la famiglia della consortile

Apre “Ohana”, il primo centro per la famiglia creata dalla società consortile “Comunità Sensibile” nel comune di Scafati. Il luogo di tutela e assistenza psicologica per mamme e bambini rappresenta la prima inaugurazione di una serie di servizi che prenderanno piede su un territorio che chiede tanto aiuto in materia. Nella mattinata di ieri all’interno dei locali dell’ex manifattura Tabacchi l’amministrazione del sindaco Pasquale Aliberti, affiancato nell’occasione in primis dal vicesindaco Teresa Formisano e dalla presidente della commissione Affari Sociali Assunta Susy Barone, ha inaugurato un centro di confronto, mediazione, accoglienza e sostegno dedicato alle dinamiche familiari.

Spazio protetto per le famiglie

Il centro sarà luogo dove intervenire su tanti questioni che rimangono spesso negli ambienti domestici ma che finiscono per condizionare l’esistenza di genitori e bambini come ad esempio fenomeni di dispersione scolastica, violenza e tanto altro. “Il Centro per la Famiglia nasce nell’ambito di un rafforzamento delle politiche sociali sul territorio erano scomparse negli ultimi anni” ha spiegato l’assessore alle politiche sociali Teresa Formisano: “Questo è solo il primo ma permetterà di avere uno spazio di difesa per donne e bambini impegnati in situazioni difficili. Tante questioni possono portare in questo posto, da separazioni a veri e propri abusi di violenza, fino a caso magari di elaborazioni di lutti”.

I casi

Fenomeni quanto mai attuali, come confermato dalla stessa vicesindaco “Proprio poche ore fa abbiamo dovuto collocare una donna vittima di maltrattamenti del marito, purtroppo casi del genere accadono quasi quotidianamente, e spazi e servizi come questo servono a rallentare questo fenomeno da debellare”. La determinazione della politica è raccolta dall’azienda consortile del comprensorio dell’ex piano di zona S01_02 rappresentato da Comunità Sensibile, che proprio insieme all’amministrazione comunale scafatese è pronta a nuove inaugurazioni nelle prossime settimane, da un centro anti violenza a due dedicati ai minori. Un risultato importante che viene celebrato dal presidente della società Pasquale Coppola, che ricorda i traguardi a poco più di un anno dall’intesa raccolta dai comuni partecipanti:”Un anno non eravamo praticamente niente se non un nome, oggi inauguriamo un percorso importante non solo per Scafati, ma per tutto il comprensorio che comprende Angri, Corbara e Sant’Egidio del Monte Albino. Stiamo creando un vero e proprio polo psicologico che sarà a supporto dei soggetti fragili, costruendo un’azienda vicina ai bisogni della cittadinanza a 360 gradi”.

Barone: “Un passo fondamentale”

“Questa mattina abbiamo compiuto un ulteriore passo in avanti verso le esigenze delle famiglie in situazioni di difficoltà. Ringrazio il nostro Sindaco, l’assessore e il Presidente del Consiglio di amministrazione dell’azienda consortile “comunità sensibile” per questo primo obiettivo raggiunto in favore di minori e genitori” sono le parole della consigliere Assunta Susy Barone.

Il servizio è di Alfonso Romano