A Scafati arriva Cappellacci, verifiche al Pronto soccorso dello “Scarlato”

Scafati. Al Mauro Scarlato arriva Ugo Cappellacci, presidente della commissione parlamentare “Affari Sociali”

Scafati. Cappellacci in visita all'ospedale Mauro Scarlato - Agro24
Scafati. Cappellacci in visita all'ospedale Mauro Scarlato - Agro24
A Scafati arriva Cappellacci, verifiche al Pronto soccorso dello “Scarlato”

Al Mauro Scarlato arriva Ugo Cappellacci, presidente della commissione parlamentare “Affari Sociali”. La riapertura del Pronto Soccorso rimane ostaggio dell’assunzione di personale medico, ci sono carenze strutturali da risolvere per aumentare la qualità del servizio. L’ex governatore della regione Sardegna è arrivato nell’Agro dopo la lettera inviata dal sindaco di Scafati Pasquale Aliberti indirizzata anche al Ministro della Sanità Orazio Schillaci. Nella mattinata di ieri è stato ricevuto all’interno del presidio dal primo cittadino e da una folta rappresentanza di consiglieri di maggioranza e assessori, mentre per la minoranza c’era Ignazio Tafuro.

La visita

Cappellacci ha avuto modo di visitare parte dei locali dell’ospedale ristrutturati per ammodernamento e interventi antisismici oltre alle farmacie danneggiate dall’incendio nell’ottobre 2022. Il presidente ha avuto modo anche di interloquire con alcuni utenti e dipendenti del nosocomio, e in particolare con il marito della donna di 59 anni che morì poco meno di due mesi fa proprio al di fuori del nosocomio dopo non aver ricevuto nessun tipo di soccorso.

Momenti di tensione

All’arrivo del direttore sanitario del Dea Nocera-Pagani- Scafati, Maurizio D’Ambrosio, si è registrata un po’ di tensione. D’Ambrosio si è intrattenuto con la platea per spiegare la situazione attuale del presidio e i prossimi passi in avanti. L’attesa di nuovo personale medico, dovrebbero arrivare sei camici bianchi, basterebbe da solo a far riaprire un Pronto Soccorso di primo livello, con però ancora gravi défaillance da un punto di vista della qualità del servizio.

Problemi irrisolti

L’ASL non ha ancora risolto una serie di problematiche strutturali di dettaglio ma anche di sostanza come servizi di supporto come ambulatori, radiologia e sale operatorie, ancora in stand – by. Un cane che si morde la coda quindi, visto che proprio questa situazione di incertezza non convince la platea medica, che ha già glissato e ignorato un bando di assunzioni a Scafati.

Cappellacci: “mancano ambulanze e servizi per aprire il Pronto soccorso”

«Stiamo svolgendo in Commissione un lavoro conoscitivo delle rete di emergenza presenti su tutto il territorio nazionale. Emergono molte criticità causate da un sistema sanitario da riorganizzare – sono alcune delle parole utilizzate di Cappellacci, che rispetta all’emergenza dello Scarlato dichiara – è una struttura in ottime condizioni, bisogna accelerare sui servizi. Risolti alcuni problemi, come medici e spazi interni, c’è bisogno di rafforzare la rete delle ambulanze del 118 per garantire il trasporto verso altri Pronto Soccorso».

Alfonso Romano