Maxi sequestro in Campania per botti illegali

Maxi sequestro in Campania di botti illegali: operazione condotta sia ad Avellino che a Napoli.

botti inesplosi

Avvicinandosi il Capodanno, la Campania è teatro di un aumento delle vendite illegali di botti. Le forze dell’ordine hanno intensificato i controlli, conducendo un’azione diffusa che ha già portato al sequestro di oltre ventimila ordigni illegali. Il primo intervento è stato della Guardia di Finanza a Parta Principato Ultra e Atripalda, in provincia di Avellino, dove un 54enne è stato arrestato mentre confezionava un migliaio di petardi, privi di etichettatura, per un totale di 34 chilogrammi. Ad Atripalda, il sequestro in un esercizio commerciale ha coinvolto 18 mila pezzi esposti senza rispettare le norme di sicurezza, e il commerciante è stato denunciato.

I carabinieri hanno denunciato anche un 39enne di Casalnuovo, provincia di Napoli, trovato in possesso di 1537 ordigni illegali, mentre un operaio di Gragnano è stato arrestato per ricettazione, nascondendo in casa 59 ordigni esplosivi improvvisati e due bombe.