Scafati. Auto medica, riserve sulla sede. Salvati: “È lontana dall’ospedale”

Auto medica. Per il consigliere di minoranza Cristoforo Salvati la lontananza dal presidio ospedaliero “Mauro Scarlato” è un pericolo

Cristoforo Salvati ex sindaco di Scafati
Cristoforo Salvati ex sindaco di Scafati
Scafati. Auto medica, riserve sulla sede. Salvati: “È lontana dall’ospedale”

Diritto alla salute, allo Scafati Solidale in arrivo una postazione per l’auto medica tra le polemiche. Per l’amministrazione del sindaco Pasquale Aliberti si tratta di un primo successo per il rafforzamento della rete emergenziale sul territorio, ma per il consigliere di minoranza Cristoforo Salvati la lontananza dal presidio ospedaliero “Mauro Scarlato” è un pericolo. Iniziato a vociferarsi come ipotesi già durante il 2022, l’ente comunale attraverso una delibera di giunta ha consegnato parte dei locali dell’abbandonato complesso in zona Plaza all’azienda sanitaria locale salernitana per garantire la continuità assistenziale sul territorio. In origine gli spazi del primo piano della struttura dovevano essere concessi all’Asl Salerno per trasportare alcuni servizi in stand by al presidio Scarlato dopo l’inizio di alcuni lavori di ristrutturazione in parte delle strutture.

Una postazione dedicata

La novità delle ultime ore spiega invece che all’interno dell’area dello Scafati Solidale ci sarà una postazione dedicata alla presenza di un auto medica. «Al ricorso presentato dall’ASL Salerno al Tar rispetto alla mia ordinanza con la quale intimavo il ripristino dell’emergenza, rispondiamo con collaborazione e senso di responsabilità – afferma Aliberti – individuando uno spazio presso la ‘Scafati Solidale’ in comodato d’uso gratuito all’Asl di Salerno, dove far sostare, in attesa di interventi emergenziali, l’auto medica di supporto alle tre ambulanze attive sul territorio di Scafati, Corbara e Sant’Egidio del Monte Albino per evitare che intervengano, dove necessario, senza medico a bordo pur essendoci infermieri validi». Aliberti poi boccia la strategia politica del presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca.

Salvati esprime perplessità

A criticare invece Aliberti è l’ex sindaco, ora consigliere di minoranza, Cristoforo Salvati, che da un lato rivendica durante il suo governo la richiesta dell’auto medica, collocandola però all’interno del presidio ospedaliero cittadino. «Preciso che dal primo gennaio nei locali dell’Asl siti nell’ospedale di Scafati partiva l’attività dei medici 118 con l’auto medica – puntualizza Salvati, che quindi continua – Tale collocazione riteniamo che sia la più idonea considerato che i locali del distretto sanitario sono frequentati da molti utenti fragili per visite specialistiche, inoltre si permetterebbe un rapido raggiungimento delle varie zone di Scafati ma anche dei comuni vicini».

Alfonso Romano