Pagani. La gaffe: il sindaco De Prisco invade ancora Sant’Egidio

Una gaffe istituzionale. Si fa prendere dalla mano il sindaco Raffaele Maria De Prisco che invade anche il territorio di Sant'Egidio del Monte Albino

Pagani. De Prisco confuso sulla zona contesa - Agro24
Pagani. De Prisco confuso sulla zona contesa - Agro24
Pagani. La gaffe: il sindaco De Prisco invade ancora Sant’Egidio

Una gaffe istituzionale. Si fa prendere dalla mano il sindaco Raffaele Maria De Prisco che invade anche il territorio di Sant’Egidio del Monte Albino non soggetto ai confini che rientrano nella zona contestata passata, per il momento, al comune di Pagani. Nella mattinata di ieri sono infatti state installate le nuove fermate dei bus. Non è ancora chiaro chi ha disposto l’installazione su Via Nazionale, lato Pagani, ma è chiaro che c’è una approssimazione registrata fin dalle prime ore dopo che, lo scorso agosto, il Consiglio di Stato sentenziò sui nuovi confini.

Le responsabilità

L’installazione delle nuove fermate dei bus su Via Nazionale, lato Pagani, ha nuovamente generato confusione e tensioni. C’è un precedente. Appena poco dopo pochi giorni il sindaco De Prisco fece installare i nuovi cartelloni stradali che delimitavano i presunti confini di Pagani, senza alcun “tatto” e dalla smania comunicativa social. Il fatto si è ripetuto, come ha evidenziato l’assessore delegato del comune di Sant’Egidio del Monte Albino, Gianluigi Marrazzo.

Mancata vigilanza sui lavori

Bisogna sicuramente capire chi abbia mancato di vigilare sulla corretta installazione, comune o azienda dei trasporti. In ogni caso, tale situazione ha generato un nuovo incidente “istituzionale” che produce nuove ansie e tensioni tra i cittadini coinvolti nella zona contesa. Sarà fondamentale risolvere la questione in modo adeguato e chiarire la responsabilità dell’installazione delle fermate dei bus per evitare ulteriori dispute e malintesi.

RePol