Pagani. Piazzale intitolato agli internati militari italiani resistenti paganesi

Circa 150 paganesi furono tra i primi a resistere e sono stati commemorati in questa occasione.

La città di Pagani ha vissuto un momento storico con l’intitolazione del piazzale antistante il cimitero comunale agli Internati Militari Italiani Resistenti Paganesi. Questo gesto simbolico è stato un segno tangibile di riconoscimento per quei cittadini che, 80 anni fa, si opposero ai Nazisti e alla Repubblica Sociale di Salò, subendo deportazione e sofferenze. Circa 150 paganesi furono tra i primi a resistere e sono stati commemorati in questa occasione.

L’iniziativa, promossa dall’amministrazione guidata dal sindaco De Prisco, è stata seguita con impegno dal Presidente del Consiglio Gerardo Palladino. Il piazzale è stato intitolato grazie alla delibera di giunta n. 123 del novembre 2023, accogliendo la richiesta del mensile Il Pensiero Libero, diretto da Gerardo De Prisco.

La giornata è stata arricchita da momenti di riflessione e approfondimento, coinvolgendo istituti scolastici e personalità della comunità. Al Teatro Auditorium S. Alfonso, sono intervenuti testimonianze significative, come quella del notaio paganese Gustavo Trotta e del padre Paolo Saturno. Le relazioni storiche dei docenti universitari hanno arricchito il convegno.

Nel pomeriggio, la cerimonia di svelatura della targa è stata officiata dal Cappellano Militare di Caserta, don Francesco Marotta, alla presenza di autorità civili e militari. Il messaggio del Generale Diodato Abagnara ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa e il prestigio attribuito a Pagani.

Il sindaco De Prisco ha espresso gratitudine per il coinvolgimento delle famiglie e ha sottolineato l’importanza di mantenere viva la memoria di quei giovani soldati che hanno sacrificato la propria vita per la pace. La giornata è stata un tributo emozionante a coloro che hanno detto no al nazismo e si sono sacrificati per il bene comune.