Agguato dei tifosi del Lecce a quelli della Nocerina, aperta un’indagine

Armati di bastoni, hanno causato scompiglio, lanciando fumogeni e bombe carta in attesa dei fan della Nocerina.

Domenica sera, alta tensione all’area di servizio di Teano, A1 Caserta, a causa di circa cento tifosi del Lecce. Armati di bastoni, hanno causato scompiglio, lanciando fumogeni e bombe carta in attesa dei fan della Nocerina. Precedenti tensioni tra le fazioni avevano già creato problemi. Le forze dell’ordine hanno impedito un potenziale agguato ai tifosi campani, mantenendo la distanza tra le due tifoserie grazie a un massiccio lavoro di prevenzione della polizia, incluso Nocera Inferiore.

Agguato ultras nel Casertano, scontri e bombe anche sulla carreggiata

Le indagini della Questura di Caserta suggeriscono che i sostenitori della Nocerina, in trasferta per una partita di Serie D, avessero aggredito i tifosi del Lecce in un’autogrill a Ceprano il giorno precedente. Le forze dell’ordine hanno chiuso l’accesso all’autogrill a Teano, impedendo il contatto tra le fazioni. Non avendo possibilità di vendetta, i tifosi del Lecce hanno lanciato bombe carta e fumogeni nell’area e sulla carreggiata autostradale, prima che la situazione si calmasse. Le indagini proseguono per identificare i tifosi leccesi coinvolti, che affronteranno denunce e Daspo.