Sant’Egidio del Monte Albino. Stop al forno crematorio

La V Commissione Regionale Sanità e Sicurezza Sociale ha dato l'ok allo stop del forno crematorio nel comune di Sant'Egidio del Monte Albino

Sant'Egidio del Monte Albino. Stop al forno crematorio - Agro24
Sant'Egidio del Monte Albino. Stop al forno crematorio - Agro24
Sant’Egidio del Monte Albino. Stop al forno crematorio

La V Commissione Regionale Sanità e Sicurezza Sociale ha dato l’ok al “Piano regionale di coordinamento per il rilascio delle autorizzazioni regionali alla realizzazione dei forni crematori da parte dei Comuni”, escludendo il forno crematorio nel comune di Sant’Egidio del Monte Albino. Questa decisione è il frutto di un lavoro trasversale al quale hanno contribuito numerosi attori.

Il ruolo dei consiglieri comunali

Roberto Marrazzo, Francesco Marrazzo e Anna Pia Strianese, consiglieri di minoranza, hanno giocato un ruolo fondamentale in questa lotta, insieme all’attivista Alessandra Petrosino e a Nicola Nocera. Il piano, atteso dal 2001, mira a regolare la costruzione dei forni crematori per garantire un processo controllato e sostenibile, evitando impatti ambientali negativi e rispondendo alle reali esigenze della comunità.

La decisione

La decisione di escludere il forno a Sant’Egidio del Monte Albino è stata presa anche considerando la presenza di un altro impianto a Cava de Tirreni. I consiglieri regionali Michele Cammarano e Vincenzo Ciampi del MoVimento 5 Stelle Campania si sono impegnati per promuovere politiche per lo sviluppo sostenibile e il rispetto delle normative ambientali, continuando la loro battaglia per il bene della comunità.

Il piano

Per i penta stellati l’approvazione di questo piano rappresenta un importante un ulteriore passo avanti nel garantire che la costruzione dei forni crematori avvenga in modo responsabile, tenendo conto sopratutto delle esigenze della popolazione e dell’ambiente. La partecipazione attiva dei cittadini di Sant’Egidio del Monte Albino ha svolto un ruolo determinante in questa vicenda, mettendo in evidenza l’importanza dell’unità e della determinazione nella difesa degli interessi collettivi.

RePol