Scafati. Ospedale, le opposizioni puntano Pasquale Aliberti

Bagarre politica sul destino dell’ospedale “Scarlato” di Scafati: le minoranze lasciano la commissione consiliare istituita ad hoc

Pasquale Aliberti 3 - Agro24
Pasquale Aliberti 3 - Agro24
Scafati. Ospedale, le opposizioni puntano Pasquale Aliberti dopo il suo video polemico contro l’atto aziendale

Bagarre politica sul destino dell’ospedale “Scarlato” di Scafati: le minoranze lasciano la commissione consiliare istituita ad hoc. Non è piaciuto l’atteggiamento del sindaco Pasquale Aliberti a poche ore dalla proposta di atto aziendale dell’ASL Salerno che prevede nuove iniziative per il rilancio di un servizio di emergenza/urgenza all’interno del presidio cittadino. E così i consiglieri comunali Ignazio Tafuro, Michelangelo Ambrunzo e Francesco Carotenuto hanno deciso di dimettersi per protesta.

Nessun confronto bipartisan

È durato lo spazio di un mattino l’esperimento di confronto bipartisan su un tema prioritario come la riqualificazione dello “Scarlato”. La spaccatura è stata determinata da una diretta social del primo cittadino scafatese, nella quale aveva aspramente criticato le ultime notizie arrivate dall’ASL. Non è stato tanto il contenuto del discorso di Aliberti a scatenare la rabbia dei dimissionari, quanto la decisione di lanciare subito un video social per dire la propria.

L’idea di Aliberti bocciata

«Il primo cittadino ha dispensato pareri e giudizi sul nuovo atto aziendale pari a una sentenza della Cassazione a sezioni unite, dimenticando che l’atto doveva essere esaminato dalla commissione temporanea che esce delegittimata da un tale comportamento diventando, così, solo un inutile e vuoto contenitore – hanno infatti spiegato Ambrunzo, Carotenuto e Tafuro – Commissione che ricordiamo elargisce quel gettone di presenza il cui emendamento per rendere la stessa commissione gratuita è stato bocciato dalla maggioranza in consiglio comunale».

La polemica

Parole che sui social hanno scatenato un altro forte dibattito con protagonista anche lo stesso sindaco Aliberti, che prima ha commentato dicendo «Vi dimettete? Non mi suicido»; per poi rilanciare attraverso la sua maggioranza la convocazione di un consiglio comunale monotematico sull’argomento. Affermando: «Avrei potuto produrre autonomamente le osservazioni richieste della Direzione generale dell’ASL Salerno, ma preferisco coinvolgere tutti i Consiglieri comunali perché l’ho sempre detto: la riapertura dell’ospedale “Scarlato’ è una battaglia che non posso condurre da solo».

Le direttive

Ma quello sullo “Scarlato” non è l’unico consiglio convocato: fissato anche l’appuntamento per l’approvazione del bilancio previsionale. Che arriva dopo la decisione della presidente dell’assise Fiorella Longobardi di annullare quello del 9 aprile, per la mancata riunione della conferenza dei capigruppo. La data individuata è l’11 aprile.

Alfonso Romano