Sarno. Ospedale, ancora tagli posti letto. Allarme dal centro destra

Sarno. Ospedale, ancora tagli posti letto. Allarme dal centro destra. E Odierna (FdI) denuncia: «Smantellano il nostro presidio»

Sarno. Ospedale Martiri del Villa Malta - Agro24
Sarno. Ospedale Martiri del Villa Malta - Agro24
Sarno. Ospedale, ancora tagli posti letto. Allarme dal centro destra. E Odierna (FdI) denuncia: «Smantellano il nostro presidio»

Presidio ospedaliero “Martiri del Villa Malta” di Sarno: l’opposizione consiliare critica i contenuti dell’ultimo atto aziendale dell’ASL Salerno e la gestione complessiva dei servizi sanitari da parte della Regione, e in particolare del governatore Vincenzo De Luca.

Il consigliere comunale di Fratelli D’Italia Sebastiano Odierna, infatti, denuncia in una nota un impoverimento strutturale programmato dal presidio sanitario sarnese.

Dopo le immagini delle scorse settimane di un Pronto Soccorso del “Martiri del Villa Malta” con decine di pazienti “parcheggiati” in barella in attesa di assistenza, sembra continuare a piovere sul bagnato. Leggendo quanto illustrato dall’ultimo atto aziendale si prevede, infatti, un ridimensionamento dei posti letto, che passeranno dall’attuale numero di 161 a 144, in una situazione già critica che rischia così di acuirsi.

Odierna: “Ospedale smantellato”

«Quanto io denuncio da tempo, ossia che si sta smantellando la a Sarno, trova conferma in questo Atto Aziendale fortemente dequalificante, penalizzante e discriminatorio nei confronti dei cittadini », sottolinea Odierna; che segnala anche l’immobilismo da parte dell’attuale amministrazione di palazzo San Francesco: «È inammissibile – scrive – come l’amministrazione comunale non abbia proferito parola in merito alla questione. Questo problema, infatti, richiedeva con urgenza di essere oggetto di osservazione in Consiglio Comunale». Senza contare che il presidio sarnese, invece di vivere una politica di rilancio aziendale, dovrà subire un nuovo ridimensionamento, afferma il consigliere: «Il reparto di Gastroenterologia che, nonostante la qualità e l’alto numero di interventi, manca di attivazione di Struttura Semplice dipartimentale e il reparto di Ortopedia che, come da assegnazione, potrebbe ospitare fino a 24 posti letto e invece continua a lavorare solamente su 10 posti letto».

Alfonso Romano