Incendio nella ex industria Vaccaro: preoccupazioni per la ricaduta sull’ambiente

Il devastante incendio ha raso al suolo parte della ex sede della "Vaccaro" ad Angri preoccupa la cittadinanza per la ricaduta sull'ambiente

Angri. Incendio nella ex industria Vaccaro. Preoccupazioni per la ricaduta sull'ambiente - Agro24
Angri. Incendio nella ex industria Vaccaro. Preoccupazioni per la ricaduta sull'ambiente - Agro24
Incendio nella ex industria Vaccaro: preoccupazioni per la ricaduta sull’ambiente

Il devastante incendio ha raso al suolo parte dell’ex sede della “Vaccaro” ad Angri preoccupa la cittadinanza. Le fiamme hanno consumato circa 3.500 metri quadrati di capannone, distruggendo una vasta gamma di merci, inclusi materiali plastici, detersivi e confezioni gestite da un’attività commerciale cinese.

Le opere di spegnimento

Preoccupazioni si manifestano riguardo alle esalazioni provenienti dalla combustione dei materiali. Alcune famiglie sono state temporaneamente allontanate dalle loro abitazioni per precauzione, ma hanno successivamente potuto fare rientro nel pomeriggio.

Dalle prime indagini non ci dovrebbero essere elementi che parlano di incendio doloso, ma l’attenzione ora si concentra ora sulle possibili conseguenze ambientali. I tecnici dell’Arpac hanno installato una centralina di monitoraggio in Via Monte Taccaro e sono al lavoro per valutare i danni all’ambiente e monitorare la qualità dell’aria, in particolare per quanto riguarda l’eventuale presenza di sostanze tossiche come diossine e furani.

L’appello del sindaco

Il sindaco Cosimo Ferraioli ha esortato i cittadini a rimanere al chiuso e a evitare l’esposizione ai fumi eventualmente tossici, considerando che il loro raggio d’azione ha coinvolto diverse zone cittadine ma anche i paesi limitrofi. C’è preoccupazione per la possibile presenza di amianto nei capannoni colpiti dall’incendio anche se potrebbe essere esclusa l’ipotesi.