Scafati. Agenti disarmati in servizio: scontro tra Salvati e Aliberti

Scafati. Agenti disarmati in servizio: scontro tra Salvati e Aliberti. Si teme l’incolumità del comandante e dei 4 agenti assunti da 18 mesi

Pasquale Aliberti e Cristoforo Salvati - Agro24
Pasquale Aliberti e Cristoforo Salvati - Agro24
Scafati. Agenti disarmati in servizio: scontro tra Salvati e Aliberti. Si teme l’incolumità del comandante e dei 4 agenti assunti da 18 mesi

Comandante della Polizia Locale e nuovi arrivati senza arma, c’è l’allarme del consigliere comunale Cristoforo Salvati. L’ex sindaco nelle ultime ore è voluto intervenire nel dibattito segnalando un problema di natura di ordine pubblico per la città di Scafati, con un rischio sicurezza per gli stessi agenti del Comando di via Pietro Melchiade. «I neo assunti e il comandante Pasquale Alò sono in strada sprovvisti di arma, e c’è bisogno di fare chiarezza sulla vicenda perché stiamo parlando della difesa della città e degli stessi operatori, impegnati spesso in questi mesi in compiti di pubblica sicurezza importanti e per i quali vanno garantiti i giusti diritti. La situazione richiede assolutamente una soluzione. La procedura prevedrebbe da parte della Prefettura competente il conferimento della qualifica di agente di pubblica sicurezza, alla quale seguirebbe l’assegnazione dell’arma al singolo operatore da parte dell’amministrazione comunale» dice l’esponente di Fratelli D’Italia.

Manca applicazione

La non assegnazione a seguito del via libera della Prefettura costituisce secondo gli organi giuridici una violazione. «Vorremmo comprendere quale problematica stia investendo i neo assunti, con un’attenzione particolare soprattutto verso il Comandante, che dovrebbe guidarle le operazioni di pubblica sicurezza» afferma Salviati. Nel mirino ci sarebbe la mancata assegnazione dell’arma nei confronti di quattro agenti assunti a dicembre 2022, con il relativo periodo di prova concluso in giugno dell’anno dopo e il placet della Prefettura di Salerno avuto circa due mesi fa. In una città interessata da eventi pubblici costanti, soprattutto sportivi tra la massima serie di basket e la tradizione calcistica, questo aspetto non assume carattere secondario, mettendo a rischio la stessa incolumità dei lavoratori secondo l’ex sindaco.

La replica del sindaco Aliberti

A rispondere al suo predecessore è il primo cittadino Pasquale Aliberti: «Nominato soltanto quattro mesi fa, abbiamo avuto dalla Prefettura il decreto per lo svolgimento delle funzioni di comandante per Pasquale Alo’. Di solito per avere il placet dalla Prefettura c’è chi aspetta anche anni, invece, probabilmente per i trascorsi del Comandante non abbiamo avuto nessuna difficoltà con la Prefettura di Salerno». Aliberti è pronto alle assegnazione delle armi comprate negli scorsi anni «Credo sia opportuna una cerimonia tra i quattro agenti e gli scettici che ogni giorno provano a strumentalizzare ogni cosa».

Alfonso Romano