«Deposizione» di Angelo Solimena, attesa per la cerimonia di restituzione

La cerimonia di restituzione e svelatura è in programma per giovedì 30 maggio alle ore 18:00

Nocera Inferiore si prepara ad un evento di rara solennità e importanza storica: la restituzione della «Deposizione» di Angelo Solimena, un’opera d’arte di inestimabile valore che è stata sottratta alla parrocchia locale negli anni Ottanta e finalmente ritrovata grazie alla perspicacia del professor Mario De Luise.

La cerimonia

La cerimonia di restituzione e svelatura, in programma per giovedì 30 maggio alle ore 18:00, segna il culmine di un’odissea durata decenni per riportare questa preziosa tela alla sua casa d’origine. La segnalazione del professor De Luise, avvenuta durante una visita alla Galleria del Palazzo Ducale di Urbino insieme alla sua scolaresca, ha catalizzato l’attenzione dei carabinieri del Nucleo di Difesa del Patrimonio Artistico, che hanno prontamente avviato le indagini confermando la autenticità dell’opera.

La «Deposizione» di Solimena, datata al 1664, è una copia di un dipinto di Federico Barocci del 1567, ed è stata per anni custodita dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Pesaro. Ora, finalmente, sta per fare ritorno nella chiesa che l’ha ospitata in origine, suscitando emozioni e sentimenti di gioia e gratitudine nella comunità religiosa e culturale di Nocera Inferiore.

La cerimonia del 30 maggio sarà presentata dal giornalista Salvatore D’Angelo e vedrà la partecipazione di figure di rilievo come don Raffaele Ferrentino, il dottor Antonio Centore, procuratore della Repubblica, e il dottor Massimiliano Croce, comandante del Nucleo dei Carabinieri Tutela del Patrimonio Culturale, oltre a rappresentanti istituzionali e culturali locali.

Il convegno

A seguire, sabato 1° giugno, si terrà un convegno intitolato «L’opera di Angelo Solimena a Nocera», moderato da Francesco Belsito e arricchito dalla partecipazione di esperti del settore come il dottor Salvatore Alfano e l’architetto Enrico De Nicola.

Il parroco, don Raffaele Ferrentino, porterà anche i saluti di Sua Eccellenza il Vescovo della Diocesi di Nocera Inferiore – Sarno, monsignor Giuseppe Giudice, rendendo l’evento ancora più solenne e significativo per l’intera comunità.