Guerra degli attracchi: raggiunta l’intesa sulla Costiera Amalfitana

Il sindaco Della Monica ha espresso soddisfazione per l'intesa raggiunta sull'attacco, anche in vista della stagione turistica

Cetara – La lunga vertenza sugli attracchi in Costiera Amalfitana ha finalmente trovato una soluzione, evitando potenziali disagi per residenti e turisti. Grazie all’intervento dei sindaci di Cetara e Maiori, Fortunato Della Monica e Antonio Capone, martedì mattina si è raggiunta un’intesa durante un tavolo tecnico al Palazzo di Governo.

La proposta, supportata dal Prefetto di Salerno e altre figure chiave, prevede l’utilizzo dei moli di sovraflutto a Cetara e Maiori per gli attracchi dei traghetti, rispettando le norme di sicurezza in mare. Questo eviterà il congestionamento del traffico sulla statale Amalfitana.

Cetara: accesso al molo di sovraflutto anziché a quello di sottoflutto

A Cetara, i traghetti avranno accesso al molo di sovraflutto anziché a quello di sottoflutto, mentre a Maiori si completeranno gli adempimenti tecnici per permettere l’attracco delle imbarcazioni di linea più lunghe. Questo risultato, ottenuto dopo mesi di mediazione, garantisce la sicurezza in mare e previene aumenti tariffari sulle vie del mare.

Il sindaco Della Monica ha espresso soddisfazione per l’intesa raggiunta, sottolineando l’importanza della mediazione del Prefetto e del Comandante della Capitaneria di Porto. Con questa soluzione, si evita una problematica impattante sull’intero territorio, assicurando un servizio efficiente per residenti e visitatori.