49enne campano ridotto in coma e abbandonato, svolta nelle indagini

In stato di fermo un 24enne accusato di tentato omicidio in concorso con un'altra persona, non ancora identificata

Una possibile svolta nelle indagini del brutale pestaggio di un 49enne campano, avvenuto il 22 maggio scorso a Piombino (Livorno), potrebbe portare alla luce la verità dietro questo atto criminale. La vittima è stata ridotta in coma e abbandonata in una zona boschiva, ma fortunatamente si è risvegliato dal coma nella mattina di ieri.

Le indagini

Recentemente, i carabinieri hanno eseguito un provvedimento di fermo di indiziato di delitto nei confronti di un 24enne, conterraneo della vittima e titolare di una pizzeria, accusato di tentato omicidio in concorso con un’altra persona ancora da identificare. Il fermo è stato convalidato dal gip, che ha disposto la custodia in carcere per il sospettato.

La vicenda

Secondo quanto spiegato dai militari, il 49enne campano sarebbe stato aggredito da due uomini e abbandonato in una zona isolata, in stato di coma e gravemente ferito. Fortunatamente, è stato soccorso da due passanti e ora è sotto stretto controllo medico. Le indagini hanno rivelato la presenza di tracce ematiche sul luogo dell’aggressione, insieme a vari oggetti contaminati di sangue, che potrebbero fornire importanti indizi per risolvere il caso.

Fonte: ANSA