Campania. Il clan camorristico aveva le mani sull’ospedale: 11 indagati

I Carabinieri di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli - Direzione Distrettuale Antimafia, hanno arrestato 11 persone

Polizia - Agro24
Polizia - Agro24

I Carabinieri di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, hanno arrestato 11 persone accusate di associazione di tipo mafioso e trasferimento fraudolento di valori, finalizzati ad agevolare l’organizzazione camorristica denominata “clan Contini”. Questo clan fa parte del sodalizio “Alleanza di Secondigliano” e opera nei quartieri di San Giovanniello, Borgo Sant’Antonio Abate, Ferrovia, Vasto-Arenaccia, Stadera-Poggioreale e Rione Amicizia.

Il provvedimento è stato emesso a seguito di una vasta attività di indagine avviata nel dicembre 2021, da cui è emersa l’attuale struttura verticistica del clan Contini, responsabile della gestione delle scelte strategiche ed economiche del clan e dei rapporti con altre consorterie criminali. È stata inoltre rilevata l’intestazione fittizia di due società di noleggio auto a soggetti prestanome, reclutati e remunerati per eludere eventuali provvedimenti di sequestro, e l’influenza del clan nella gestione funzionale di una struttura ospedaliera della città, ricadente nell’area di influenza dell’organizzazione criminale.