Allagamenti. Scafati Arancione: “Dramma annunciato”

Maltempo, allagamenti e un polverone di polemiche di Scafati.
Venerdì scorso, alcune zone della città sono state messe in ginocchio dalla pioggia e dall’esondazione del Fiume Sarno. Completamente allagata l’area antistante il Comune: il sindaco e i dipendenti dell’Ente hanno lasciato il palazzo grazie ai gommoni messi a disposizione dai vigili del fuoco. Negozi e abitazioni allagate anche in altre aree, da via Pasquale Vitiello a via Longole. Alcune famiglie hanno dovuto lasciare le loro abitazioni.

Cittadini inferociti hanno lanciato dure critiche all’amministrazione comunale attraverso i social network, usando anche l’arma dell’ironia. Oggi arriva il commento di Scafati Arancione.

“Assitiamo ancora una volta al dramma annunciato di allagamenti e disagi che colpiscono inesorabilmente la nostra città mettendo in ginocchio esercizi commerciali, cittadini, contadini e aziende presenti sul territorio senza che nessuno proferisca parola sulla risoluzione di un problema irrisolto e soltanto oggetto di propagande elettorali somministrate ad ogni tornata utile per racimolare consensi -si legge in una nota-. Attendiamo ancora con impazienza le promesse fatte dall’on Paolino circa i lavori dell’impianto fognario e dei relativi finanziamenti, a sua detta, sbloccati per il completamento -o inizio- dell’opera; così come attendiamo da anni ormai che l’opera di dragaggio del fiume venga posta in essere.
Ma al momento -conclude Scafati Arancione-, non possiamo far altro che assistere, da un lato alle forme patetiche di solidarietà da parte della politica politicante, dall’altro alla condizione di rabbia e di impotenza nella quale gli scafatesi sono costretti a vivere ad ogni evento meteorologico come quello che ha colpito la città nelle scorse ore”.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati