Angri. Cimitero. Il comune avvia la procedura di esternalizzazione dei servizi

Costretti a lavorare in condizioni precarie e senza attrezzi idonei. I necrofori del locale cimitero vivono con disagio l’eterna e annosa emergenza organizzativa che caratterizza il camposanto cittadino.

Mancano attrezzi necessari: dal martello pneumatico al flex, ma anche abiti idonei da lavoro indispensabili per affrontare le insidie dei fossi. Manca anche il carrello elevatore per la sistemazione nei loculi delle salme.

Proprio ieri pomeriggio il carrello per il trasporto dei feretri verso i campi d’inumazione ha subito un’improvvisa avaria mentre trasportava una salma. Un guasto che ha costretto l’impresa delle pompe funebri a trasportare la bara sulla fioriera.

Il totale disinteresse dell’ente ha indotto il primo cittadino Cosimo Ferraioli ad avviare la procedura di esternalizzazione dei servizi mediante una manifestazione di pubblico interesse. Unica soluzione possibile per evitare il definitivo collasso della struttura finita anche al centro di vicende giudiziarie e di inchieste tutt’ora in corso.

Luciano Verdoliva

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati