Angri. La riapertura straordinaria dello stadio Novi innesca una nuova polemica. Bufera su Ferraioli

La riapertura straordinaria dello stadio Novi innesca una nuova polemica. Lo stadio, lo scorso 29 marzo 2017, con ordinanza sindacale era stato interdetto per motivi di sicurezza alla tifoseria delle squadre locali che hanno dovuto terminare la regular season senza il loro pubblico.

La struttura doveva essere utilizzabile e fruibile esclusivamente per le attività sportive e calcistiche a porte chiuse ossia senza la presenza di pubblico ma solo con personale autorizzato. Provvedimento che fu “preso in via precauzionale a salvaguardia della sicurezza pubblica”.

I cancelli della tribuna, però, sono stati nuovamente riaperti al pubblico per una partita di beneficenza, che ha visto anche la partecipazione di alcuni membri dell’attuale amministrazione comunale e dell’ex sindaco di Angri, Pasquale Mauri.

Da qui si è innescata la polemica sulla riapertura al pubblico una struttura ritenuta precedentemente poco sicura. La questione delle strutture sportive sembra essere scappata di mano all’amministrazione Ferraioli che, tra l’altro, non riesce ancora a disciplinare accessi e convenzioni con le associazioni e i gruppi sportivi.

Luciano Verdoliva

Foto dal web

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati