Angri si prepara alla canonizzazione di Alfonso Maria Fusco

Il grande giorno sta per arrivare. Il 16 ottobre in piazza San Pietro, Alfonso Maria Fusco sarà canonizzato da Papa Francesco. In vista dell’importante appuntamento la congregazione delle Suore di San Giovanni Battista, in collaborazione con l’associazione culturale DoriaArt in Progress, ha presentato due libri dedicati alla figura di Alfonso Maria Fusco, che sarà canonizzato il prossimo 16 ottobre in piazza San Pietro da papa Francesco.

Si tratta di due volumi che raccontano dettagliatamente la storia del santo angrese, fondatore delle Suore Battistine del Nazareno, che attualmente operano in ogni parte del mondo col nome di Suore di San Giovanni Battista.

Il primo volume dal titolo “Da Angri al mondo: il sorriso di Dio”, a cura di Antonio Ricciardi e di Lina Pantano, Editoriale Progetto 2000, traccia la biografia di Alfonso Maria Fusco, sacerdote secondo il cuore di Cristo, per scoprire il segreto della sua santità. Si tratta di un racconto che intende lasciare al lettore la gioia della scoperta di una vita sorprendente, ispirata giorno dopo giorno dallo Spirito Santo. “E’ questo un libro – ha scritto nella presentazione il cardinale Angelo Amato, Prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi – scritto con sapienza storica e unzione spirituale da padre Antonio Ricciardi. Sono pagine da leggere col cuore, da meditare e assimilare con amore”. Si tratta, infatti, dell’avventura straordinaria di un santo, don Alfonso Maria Fusco, che affidò la sua esistenza interamente nelle mani della Provvidenza, presenza misericordiosa e sempre benevola verso i suoi figli.

Il secondo libro, “Sant’Alfonso Maria Fusco. Tutto per la gloria di Dio e il bene delle anime”, è una nuova biografia, scritta con amore e competenza da suor Lina Pantano, superiora della provincia italiana della Congregazione delle Suore di San Giovanni Battista, proprio in occasione della canonizzazione. Ha il pregio della agilità, della chiarezza e della completezza storica. In poche pagine, suor Lina ci fa entrare nel vissuto meraviglioso di un sacerdote semplice, povero, vicino a Dio e agli uomini. “Un padre da ammirare e un fratello maggiore da imitare”, scrive l’Arcivescovo Marcello Bartolucci nella Presentazione. Dalla vocazione coltivata dall’infanzia all’ordinazione sacerdotale che vide don Alfonso aperto alle sfide del suo tempo fino alla fondazione dell’Istituto delle Suore Battistine del Nazareno. Un carisma prezioso e innovativo, quello di Sant’Alfonso Maria Fusco, servo fedele sulla terra, protettore amorevole dal cielo. Oggi la Congregazione è presente nel mondo intero e la santità del fondatore edifica e ispira con le sue virtù generazioni di consacrate e di giovani di ogni cultura e nazione.

Tante le iniziative che si svolgeranno dopo il 16 ottobre per celebrare degnamente il Santo di Angri.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati