Angri. Sicurezza al Comune, si pensa di filtrare gli accessi

Per tutelare l’incolumità dei dipendenti comunali ed evitare tensioni tra i corridoi di palazzo di città, l’amministrazione comunale potrebbe decidere di filtrare gli ingressi.

L’ipotesi è stata ventilata dal sindaco Cosimo Ferraioli venerdì scorso, dopo un episodio increscioso che si è registrato al Comune. Un cittadino che intendeva presentare un reclamo allo sportello Amico della Gori, ubicato al piano terra, avrebbe alzato la voce inveendo contro gli impiegati.

Sul posto sono giunti anche i carabinieri e gli agenti della polizia locale.

“Abbiamo rienuto utile favorire i cittadini con l’apertura di un punto informativo presso il quale usufruire dei servirsi che Gori offre anche da remoto – spiega il sindaco -. Abbiamo messo a disposizione gli uffici comunali, ma certe intemperanze non possono essere tollerate e se dovesse essere necessario provvederemo a limitare gli accessi agli uffici comunali per tutelare l’incolumità dei dipendenti e, in particolare, dei giovani che gestiscono questo servizio”.