Angri. Stadio Novi nel degrado. L’allarme di Alberto Milo

Un paese che non c’è. Raccolta rifiuti ferma al palo, servizi sociali nel caos, lavori pubblici praticamente paralizzati e stadio abbandonato all’incuria del tempo e del degrado. Sull’annoso e ormai scandaloso abbandono del “Novi”, da parte di tutte le amministrazioni successive all’era Postiglione, interviene anche il consigliere comunale dei Popolari Angresi, Alberto Milo, che rimarca l’immobilismo dell’amministrazione Ferraioli sul recupero funzionale della struttura.

“Nello Stadio Novi regna l’incuria, fa da padrone l’indifferenza di questa amministrazione che non è nemmeno in grado di gestire l’ordinaria manutenzione di quella struttura. Nell’ultima competizione elettorale sono preoccupati nemmeno di falciare l’erba. L’ennesima conferma – dice Milo – che non esiste un governo della città, e l’incompetenza è l’unica vera certezza”.

Milo manifesta preoccupazione per le sorti del sodalizio grigiorosso in vista dell’imminente inizio della stagione agonistica: “Sono seriamente preoccupato per l’U.S. Angri 1927, l’inizio del campionato è vicino e non avendo una struttura idonea gli atleti potrebbero riscontrare notevoli difficoltà a disputare il le partite nella propria città. Mi auguro che ciò non avvenga, altrimenti sarebbe un fatto molto grave, però visto la capacità d’azione e di sostegno della nostra amministrazione, vedansi il triste epilogo dell’Okdoriafest, tutto può accadere.”

Un dibattito che potrebbe inasprirsi ulteriormente nelle prossime settimane, visto che l’amministrazione sta pensando di utilizzare il rettangolo di gioco per la prossima edizione del Palio Storico e non sarebbe un fatto nuovo. Già la precedente amministrazione utilizzò l’area di gioco per usi diversi. Una decisione malvista dai tifosi grigiorossi che stanno tentando di preservare quello che resta dello stadio “bomboniera” lasciato dal decennio Postiglione.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati