Angri. Torna “Una notte sui luoghi del Santo”

I luoghi di Sant’ Alfonso Maria Fusco saranno illuminati per una notte. I portoni della Casa Madre delle suore Battistine, in via Maddalena Caputo ad Angri, dove riposano le spoglie mortali di don Fusco, saranno spalancati dalle suore, dai giovani e dai parroci delle parrocchie della forania di Angri e dall’associazione culturale DoriaArt in Progress.

La città di Angri si stringerà intorno al suo santo, al padre dei poveri, al sacerdote della Provvidenza a partire da venerdì 3 febbraio, quando, dalle 20 a mezzanotte, presso la Casa Madre della Suore Battistine in via Maddalena Caputo, avrà luogo la seconda edizione de “Una notte, con i giovani, sui luoghi del Santo”. Testimonianze, preghiera e momenti di festa vedranno protagonisti i giovani accompagnati dai parroci della forania di Angri.

La novità di questa edizione sarà, infatti, proprio l’incontro dei giovani delle parrocchie cittadine nella sala teatro della Casa Madre. I ragazzi saranno accolti nella cappella in cui riposano le spoglie mortali di Sant’Alfonso Maria Fusco e accompagnati dall’associazione culturale DoriaArt in Progress in visita alla mostra fotografica dedicata alle missioni delle Suore nei Paesi poveri in cui operano.

Intorno alle 20.30 avrà inizio l’incontro nella sala teatro mentre la Casa Battistina resterà aperta per coloro che desiderano visitare, dopo l’incontro, in un’atmosfera suggestiva, i luoghi del novello Santo di Angri. Una prima tappa nella cappella che custodisce le spoglie mortali di don Fusco. Poi nel chiostro dove sarà possibile ammirare la raffigurazione artistica sulla vita di Alfonso Maria Fusco realizzata dall’artista Salvatore Seme. Dal chiostro si passerà alla mostra fotografica per poi approdare nel museo che raccoglie oggetti appartenuti al santo e tanti autentici pezzi che raccontano la sua vita. Un’occasione speciale per chiamare la cittadinanza sui luoghi del Fondatore della Suore di San Giovanni Battista e per far conoscere questa carismatica figura.

“Per noi suore – ha dichiarato Suor Lina Pantano, superiora provinciale – non c’è gioia più grande di avere il fondatore santo e siamo liete di accogliere i giovani e chi desidera fermarsi sui luoghi di Sant’Alfonso Maria Fusco, un sacerdote che, nella seconda metà dell’Ottocento, è andato per le vie di questa città amando e beneficando tutti. Che la sua santità possa essere un esempio per i giovani di oggi e per le generazioni future”.

Così il parroco don Antonio Cuomo: “Insieme con tutti i parroci delle parrocchie della fornaia di Angri, insieme alla Suore Battistine, abbiamo pensato di iniziare i festeggiamenti con un incontro serale con tutti i giovani di tutte le parrocchie ovviamente esteso anche a tutti gli altri giovani che desiderano partecipare. Sarà un incontro preparato dai giovani stessi per tutti gli altri giovani. Sarà una serata all’insegna della preghiera, del gioco, della fraternità, della festa e della conoscenza di Sant’Alfonso Maria Fusco proprio attraverso tre belle testimonianze che ci saranno offerte da un giovane, che farà un riferimento alla spiritualità di Sant’Alfonso Maria Fusco collegata a quella di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, da una famiglia con due bambini e da una suora malgascia. Sarà un momento molto bello che vogliamo vivere con grande serenità”.

Luigi Novi

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati