Anziani salernitani soli in casa nel mirino dei truffatori

immagine dal web

“Ogni estate è sempre la stessa storia. Ci sono troppi anziani lasciati soli nelle città della provincia”. Questa la riflessione del segretario generale della Cisl Pensionati di Salerno, Giovanni Dell’Isola, dopo la notizia dell’ennesima ‘truffa’ ai danni di una coppia di anziani a Salerno, che si sono visti portare via 6mila euro da un falso avvocato. Episodi preoccupanti per il sindacato cislino che, con l’avvento di agosto, rischiano di moltiplicarsi a macchia d’olio.

“D’estate buona parte della provincia si spopola, soprattutto le città più grandi e gli anziani restano soli. Così si lascia spazio ai ladri. Che ci sia un problema di sicurezza a Salerno ed in provincia ormai è palese”, ha osservato Dell’Isola a proposito del fenomeno dei raggiri ai pensionati. “Serve una risposta sociale. Forse diciamo sempre le stesse cose, ma è così. Non tutti, ma molti sono deboli, portati a fidarsi di sconosciuti solo perché hanno bisogno di parlare. Purtroppo è la rete sociale tra istituzioni che manca”. La città di venti o trent’anni fa era fatta di cortili, di chiacchierate sul pianerottolo, di passeggiate, di nuclei familiari stabili nella stessa casa, di quartieri di facce note. L’estraneo, il malintenzionato, il questuante molesto, molto più difficilmente di oggi trovavano anziani soli da prendere di mira. «Oggi i figli, anche a causa della crisi, lavorano o vanno a vivere a lontano”, ha raccontato Dell’Isola. “Noi come sindacato proviamo a dare delle risposte”.

La Cisl dunque vuole, nuovamente, spingere le istituzioni, i familiari e tutti gli organi preposti all’assistenza a farsi carico della situazione di solitudine che riguarda le persone più deboli. “Deve sentirsi sicuro un pensionato quando rincasa la sera o tra le proprie mura domestiche. Per questo rivolgiamo un altro appello a tutte le amministrazioni comunali salernitane e alle Forze dell’Ordine, che già espletano un servizio eccellente ed encomiabile sul territorio, di mettere in campo e intensificare tutte le ulteriori e possibili iniziative per evitare che gli anziani diventino bersagli di questi delinquenti e malintenzionati”.