Campania. Sinistra Italiana: “La sanità pubblica è un diritto che si ha il dovere di garantire”

“Sembrerebbe che oggi il Ministero della Salute, attraverso gli ispettori, scopra che le cosiddette “morti evitabili”, le quali hanno portato la Campania ad avere il triste primato nazionale, siano frutto di carenze di organico e di strumentazioni, nonche’ dell’assenza di un Piano sanitario adeguato alle necessita’ del territorio. Insomma, quello che noi, come Sinistra Italiana della Campania , oramai denunciamo da anni al di la’ dei velleitari annunci pubblicitari del Governatore”. Lo dicono Tonino Scala, coordinatore regionale di Sinistra Italiana e Giovanni D’Ambrosio, responsabile del Dipartimento Sanita’.

“Il punto ora e’ che dare novanta giorni di tempo per risolvere le criticita’ piu’ gravi potrebbe anche andar bene, ma in questi termini suona molto come una dichiarazione di emergenza con tanto di carta bianca pur di metterci una pezza. Ma noi cittadini, associazioni, comitati e partiti che lottiamo per la difesa della Sanita’ Pubblica siamo stanchi e respingiamo una gestione di tipo emergenziale. A scanso di equivoci, si guardino bene dal propinare sull’onda emergenziale le solite soluzioni per l’inserimento degli amici imprenditori e delle lobbies assicurative, cosi’ come e’ accaduto gia’ in Molise, perche’ vigileremo e non lo consentiremo mai che tutto cio’ accada nella nostra regione”, sottolinea Sinistra Italiana.

“Chiediamo, ancora una volta, una riorganizzazione della Sanita’ secondo i principi costituzionali dettati dall’art. 32 e, quindi, che sia Pubblica, Efficiente, Universale e Gratuita, senza se e senza ma! Ci batteremo con tutte le nostre forze per attuare questo intento e contro chiunque voglia approfittare di questo stato di bisogno artatamente creato con il solito cinismo politico-affaristico”, concludono Scala e D’Ambrosio.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati