Capaccio Paestum, parte il pattugliamento del litorale con moto d’acqua

È partito stamattina (1 agosto) il servizio di pattugliamento con l’impiego di una moto d’acqua (personal water craft) lungo tutta la fascia costiera di Capaccio Paestum, dalla località Foce Sele alla foce del fiume Solofrone.
Il servizio durerà tutti i giorni fino al 30 agosto, domeniche comprese, dalle 8.30 alle 19. Nell’arco dell’intera giornata, gli operatori eseguiranno almeno due perlustrazioni (mattina e pomeriggio) ed eventualmente diversi accosti nei tratti di spiaggia del litorale comunale, garantendo anche la propria reperibilità mediante l’utilizzo di ricetrasmittente (VHF) ed utenza radiomobile dedicata a supporto. La moto d’acqua in servizio è dotata di idonea barella rigida o semirigida omologata per il soccorso.

L’incarico, per un importo omnicomprensivo di € 6.250,00, è stato affidato alla ditta Alba Marea S.r.l.s.
L’affidamento prevede il pattugliamento e il pronto intervento in mare in caso di emergenza, assistenza a tutte le postazioni di salvataggio presenti sul tratto di costa interessato (sia pubblico che dei concessionari demaniali marittimi), monitoraggio delle foci dei fiumi appartenenti al territorio comunale di Capaccio Paestum, servizio di allerta dell’emergenza per ogni zona del territorio costiero mediante rete di ricetrasmittenti marini VHF e recapito telefonico cellulare dedicato a supporto.

“L’attivazione del servizio di pattugliamento del litorale con la moto d’acqua – dichiara il Sindaco di Capaccio Paestum, Franco Palumbo – ci permetterà di intervenire più celermente in caso di emergenza. Già in passato si è dimostrato assolutamente indispensabile l’utilizzo di tale servizio. È fondamentale, infatti, garantire la sicurezza, sia a mare che a terra, dei cittadini di Capaccio Paestum e dei turisti che la frequentano in questo periodo dell’anno”.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati