Carta di credito del Comune, Gambino assolto dall’accusa di peculato

Questo pomeriggio, i Giudici del Tribunale di Napoli hanno assolto, definitivamente, il Consigliere Regionale Alberico Gambino dall’accusa di “peculato” (previa riqualificazione dell’ipotesi dell’accusa originaria in abuso d’ufficio) “perché il fatto non costituisce reato”. La vicenda risale al 2005 e nasce dall’utilizzo della carta di credito del Comune di Pagani in dotazione al primo cittadino.

“Desidero ringraziare, innanzitutto, l’avvocato Michele Tedesco che, oltre ad essere stato sempre al mio fianco in questa vicenda, è stato sin dal primo momento convinto di riuscire a ribaltare la sentenza di primo grado- ha dichiarato il Consigliere Regionale Alberico Gambino- Si chiude, con questa assoluzione, una vicenda che ha rappresentato una pagina buia della mia vita personale e di uomo delle istituzioni. Si conclude, dunque,una storia che mi ha costretto a lasciare la città di Pagani nelle mani di uomini che si sono rivelati piccoli, incapaci e bugiardi. Ma, come recita l’ultimo singolo di Fiorella Mannoia, siamo ancora qui!”.

Gambino intendeva annunciare la notizia nel corso di una conferenza stampa indetta per domani, ma l’incontro è stato rinviato perchè il Consigliere regionale è stato convocato a Roma per una riunione preliminare alla preparazione dell’assemblea nazionale di FDI in programma nella giornata di domani.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati