Cava de’ Tirreni. Giuramento degli ispettori ambientali

Questa mattina, nella Sala di Rappresentanza e del Consiglio di Palazzo di Città, hanno prestato giuramento di fedeltà gli Ispettori Ambientali Volontari, coordinati da Livio Trapanese, davanti al Sindaco Vincenzo Servalli ed alla presenza del Consigliere comunale con delega alla Polizia Locale, Giovanni Del Vecchio, Dirigente Comandante della Polizia Locale, Antonino Attanasio, del Ten.Col. della Polizia Locale, Giuseppe Ferrara, del Segretario comunale, Vincenzo Maiorino, del presidente della Metellia Servizi, Giovanni Muoio e del funzionario Gianluigi Accarino, in rappresentanza del dirigente all’Ambiente, Luigi Collazzo, (assente per motivi familiari).
Il Nucleo degli Ispettori Ambientali Volontari è attualmente composto da 10 unità che hanno mantenuto il decreto di nomina che, dopo la modifica del regolamento, li qualifica nella nuova veste di Pubblici Ufficiali, con competenza di Polizia Amministrativa, con facoltà di controllo e sanzioni sulle violazioni delle norme e regolamento in materia di decoro, rispetto ambientale e di igiene urbano.
Dopo un periodo di riorganizzazione, a seguito della la nomina da parte del Sindaco Servalli quale consulente per tali attività del già Luogotenente delle Guardia di Finanza, Livio Cav. Trapanese, lo scorso 26 maggio, sono ritornati ad essere pienamente operativa.

“Gli Ispettori Ambientali – afferma il Sindaco Servalli – sono una diretta espressione dell’Amministrazione comunale, a loro va il nostro ringraziamento e sono certo anche l’apprezzamento dei cavesi per l’impegno e l’abnegazione che profondono gratuitamente per la Città, non solo come sentinelle ma anche per il servizio di informazione e sensibilizzazione continua che svolgono. Mi auguro che i nostri concittadini diano la massima collaborazione per mantenere alto il decoro cittadino ed evitare scempi come capita in alcuni angoli della città”.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati