Cava. Manifestazione internazionale di arti marziali

Presentata questa mattina, giovedì 21 luglio 2016, presso l’Aula Consiliare di Palazzo di Città, la manifestazione internazionale di arti marziali “The Champions” e lo spettacolo con JILL COOPER, previsto per domenica 24 luglio 2016, ore 20.30, in piazza Eugenio Abbro.
Il Campione cavese Antonio Sorrentino sfiderà l’ex militare delle Forze Speciali Cuba Martinez Alvarez.
Presenti l’Assessore allo Sport Enrico Polichetti, il maestro di Kick Boxing Antonio Sorrentino, la coreografa Gilda Avagliano, Antonio Selice della Federazione Italiana di Kick Boxing, il maestro Matteo Cavaliere.
“E’ un grande evento sportivo, dichiara l’Assessore Enrico Polichetti che dà lustro alla nostra città. Di Antonio Sorrentino oltre ad apprezzare i meriti sportivi si apprezza la sua personalità. Uomo di grandi valori attento alle nuove generazioni. Un ragazzo che si è formato da solo e che deve essere da esempio per tutti i giovani che praticano questi sport”.
La manifestazione promossa dal “Siddharta Club”, del maestro di Kick Boxing Antonio Sorrentino in collaborazione con l’amministrazione comunale, è stata inserita nel cartellone estivo “Cava è estate” e prevede performance delle ballerine del New Latin Club For Ever oltre ad esibizioni per la difesa personale delle donne.
“ L’amore per questi sport, cosiddetti, minori, dove l’atleta non viene retribuito, afferma il maestro Antonio Sorrentino, è quello sano, puro. Si tratta di sport che tengono lontano la gente dai vizi. Io ce la metterò tutto contro il grande Martinez. Lo spettacolo è assicurato, vi aspettiamo tutti domenica 24”.
Durante la manifestazione del campione cavese Antonio Sorrentino è prevista la chiusura del percorso ben-essere donna, realizzato dalla consigliera delegata alle Pari Opportunità, dott.ssa Fortunata Sorrentino. “Verranno ringraziati dichiara Fortunata Sorrentino, tutti i maestri che hanno reso possibile questo bellissimo e coinvolgente percorso nella persona di Gerardo Baldi, Luigi Vitale, Luigi Cardone, Alessandra Napoletano e i loro aiutanti. Grazie alla cooperativa “l’isola che c’è ” che ha messo a disposizione la struttura , all’associazione di genere Frida e alla dott.ssa Ida Faiella che ha seguito le allieve. Avevo un obiettivo di creare un luogo dove tutte le differenze dovevano essere abbattute. Il mio scopo era di regalare un sorriso, di aumentare la fiducia in sé, di trovare un posto dove sentirsi se stessi e lasciare le ansie, le paure, i problemi a casa. Ci siamo riusciti e sono felice. Ho dimostrato che con poche risorse ma tanto impegno si possono fare grandi cose. Riprenderemo a gennaio un nuovo percorso”.