Comune di Scafati sciolto per infiltrazioni camorristiche, il monito di Matrone

“Le cronache delle ultime 48 ore ci consegnano l’immagine di una città ferita, ferita per l’ennesima volta. Scafati non è città di camorra. Vuole e deve essere altro. Io sono in ogni occasione un garantista e, in attesa che la giustizia faccia il suo corso ed emetta le sue sentenze, preferisco non commentare le vicende giudiziarie nel rispetto che meritano le persone coinvolte e la magistratura che opera”. Queste le parole di Angelo Matrone, dopo lo scioglimento dell’Ente per infiltrazioni camorristiche.

“Ora bisogna avviare un dialogo per la costituzione di un centrodestra scevro da condizionamenti dei partiti, che abbia come unico obiettivo il bene della città con un reale cambiamento di metodo. La prossima amministrazione, da chiunque sarà composta, dovrà garantire il blocco del malaffare, il rispetto della legalità e della trasparenza delle procedure amministrative. Non si può fomentare ulteriori divisioni e odio. Il punto fondamentale oggi è di ricostruire Scafati, liberarci da risentimenti decennali, puntare insieme sull’immagine della nostra bellissima città. La politica è servizio per il bene comune. Quindi è una passione e deve essere fatta il più possibile in modo spontaneo. Gli uomini di buona volontà sostengano l’azione della Commissione ministeriale in questi due anni difficilissimi che ci aspettano”.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati