Controlli della Guardia Costiera, denunce e sequestri

Proseguono senza sosta le attività di controllo da parte della Guardia Costiera di Salerno.

I militari hanno sorpreso una persona nei pressi di un lido del litorale di Pontecagnano intenta nella vendita di un grande quantitativo di triglie sottomisura. Il prodotto ittico detenuto in due grosse vasche di plastica all’interno di un piccolo furgoncino ammontava a circa 50 KG. Il pesce, per il quale la normativa prevede una taglia minima di 11 cm, aveva in realtà una lunghezza notevolmente inferiore e per tanto è stato sottoposto a sequestro e successivamente consegnato in beneficenza alla mensa dei poveri.

Nello svolgimento dell’operazione Mare Sicuro, è stato invece denunciato un salernitano che aveva realizzato un vero e proprio lido abusivo sul Lungomare Colombo. In assenza di qualsiasi concessione demaniale marittima, l’uoo aveva infatti occupato un tratto di spiaggia libera destinato alla fruizione pubblica. All’esito del controllo i militari hanno posto sotto sequestro 10 lettini i quali, in attesa di essere venduti ai clienti, occupavano abusivamente la spiaggia.

Sempre nei giorni scorsi i militari della Capitaneria di Porto di Salerno, nell’ambito di un’importante operazione ambientale coordinata dalla Procura della Repubblica di Salerno, hanno messo i sigilli alla piscina di uno degli hotel extra lusso della costiera amalfitana. Il provvedimento, emesso dal Gip, giunge dopo un lungo periodo di indagini volte ad accertare ogni compromissione o alterazione dell’ambiente marino e costiero nel corso del quale sono state sottoposte a controllo numerose strutture alberghiere, comprese quelle extra lusso, al fine di verificare la qualità delle acque prodotte dalle strutture in questo periodo di grande afflusso turistico.

Ad oggi infatti sono state sottoposte a controllo oltre 1500 un’unità da diporto durante i quali è stato verificato – fra l’altro – che a bordo fossero correttamente detenute le dotazioni di sicurezza e che i limiti per la navigazione fossero rispettati, così da non invadere le zone di mare destinate esclusivamente alla balneazione. Sono stati svolti inoltre sugli stabilimenti balneari 1726 controlli di sicurezza al fine di verificare il mantenimento e la corretta funzionalità di tutti i dispositivi di emergenza e di primo soccorso prescritti dall’Ordinanza di sicurezza balneare emessa dalla Capitaneria di Porto di Salerno, nonché per attestare la costante e vigile presenza dei bagnini.

Il corretto uso del demanio marittimo è stato invece sottoposto ad un totale di 917 controlli al fine di individuare ogni abuso possibile. Nel corso dell’attività sono stati rilevate oltre 300 infrazioni ed elevati verbali per un ammontare di 95.738 € ai soggetti non in regola. Le persone denunciate sono state invece 23.

La Capitaneria di Porto di Salerno nel giorno di Ferragosto è stata invece impegnata in una intensa attività di soccorso in mare, e ciò a seguito delle numerose richieste di assistenza ricevute dalla Sala Operativa tramite il numero blu di emergenza in mare 1530.

Particolarmente complesso è stato il soccorso di 2 persone presenti a bordo di una unità da diporto che – a causa di una falla – imbarcava acqua; dopo aver lanciato l’allarme, l’unità, ormai in procinto di affondare, è stata raggiunta dalle motovedette della Capitaneria di Porto che hanno assicurato la salvezza dei due occupanti, di cui uno dei due non in grado di nuotare. Successivamente, i militari della Guardia Costiera, grazie alle pompe di esaurimento presenti a bordo, sono riusciti a svuotare l’unità e portarla in salvo nel porto di Salerno. Per i due diportisti per fortuna nessuna conseguenza ma solo tanta paura.

Nella serata invece un’imbarcazione da diporto presa in locazione da sette persone è stata soccorsa a largo di Positano dopo che l’unità, rimasta senza benzina, è stata per due ore alla deriva. Gli occupanti, preoccupati dal tramonto del sole, hanno infine deciso di allertare i soccorsi. La m/v CP 557 dopo una ricerca, ostacolata dal buio della notte e dalla mancanza di razzi di segnalazione, è riuscita a recuperare i diportisti e ricondurli in porto ad Amalfi.

Le attività così come finora organizzate dalla Guardia Costiera di Salerno saranno ancor di più implementate durante la settimana di ferragosto, e saranno tutte finalizzate a garantire altissimi standards di sicurezza nel periodo di maggiore criticità; gli uomini ed i mezzi della Guardia Costiera pattuglieranno per l’intera giornata e senza sosta la coste e le spiagge dell’intero Circondario di giurisdizione, ed anche presso la sede della Sala Operativa della Capitaneria, ove giungono tutte le segnalazioni di soccorso attraverso il numero blu 1530, saranno implementate le turnazioni così da offrire all’utenza del mare un immediato intervento in caso di necessità.
Come di consueto, la Capitaneria di Porto di Salerno nel periodo più “caldo” della stagione balneare garantirà quindi una complessa organizzazione. Saranno infatti 19 le unità in mare e oltre 90 le persone coinvolte nell’attività di pattugliamento del litorale permettendo una presenza incisiva sia a terra che a mare per il periodo del “ferragosto” al fine di sanzionare ogni attività illecita.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati