Criticità del personale sanitario all’Andrea Tortora, il Sindaco Salvatore Bottone all’Ospedale cittadino

Fronteggiare al meglio la carenza di personale all’ospedale Andrea Tortora di Pagani.

È stato questo l’obiettivo di un incontro che si è tenuto stamattina presso la struttura ospedaliera cittadina. Al vertice hanno partecipato il Sindaco del Comune di Pagani Salvatore Bottone, il Direttore Sanitario Alfonso Giordano, il direttore del reparto di Chirurgia Oncologica Aurelio Nasto, il Direttore dell’Unità Operativa di Rianimazione Nocera – Pagani Mario Iannotti e Claudio Barile, infermiere al nosocomio paganese nonché consigliere comunale.

Nel corso dell’incontro si è discusso del problema della carenza di personale presso la struttura sanitaria cittadina, reso ancora più evidente dal periodo estivo e dalle ferie programmate che stanno coinvolgendo l’intero organico. Il Primo Cittadino Salvatore Bottone si è fermato a discutere con molti dipendenti, recependone le istanze. Alcuni di essi hanno spiegato di avere le mani legate sulla possibilità di coprire i turni e garantire i servizi ospedalieri perché per essi sarebbe necessario un incremento delle ore di lavoro straordinario, che non è previsto dalla legge. Secondo le disposizioni in materia sanitaria, infatti, non possono essere superate le 250 ore di lavoro in più, e molti dipendenti sono già al capolinea. Il Sindaco Bottone ha quindi chiesto al Direttore Sanitario Giordano di farsi portavoce delle necessità del personale dell’Andrea Tortora, chiedendo o una diversa regolamentazione degli straordinari o, almeno, assunzioni a tempo determinato di nuovo personale che garantisca il turnover. I dipendenti hanno specificato che, laddove venissero meno queste richieste, molti dei servizi non potrebbero essere più garantiti (e già in questo periodo c’è stata una riduzione dei posti letto al Reparto di Rianimazione, da 6 a 4).

Nel corso dell’incontro si è discusso anche del futuro dell’Andrea Tortora stesso, con particolare attenzione verso la Radioterapia (con l’installazione dell’acceleratore per migliorare questo tipo di cura) e l’eventualità di scorporamento dei Reparti di Oncologia ed Ematologia, che diventerebbero unità separate mediante lavori a farsi all’intero piano.

“Si è trattato di un incontro proficuo – le parole del Sindaco Salvatore Bottone – nel quale abbiamo cercato di fronteggiare con soluzioni concrete la questione della carenza del personale. Ho chiesto al Direttore Giordano di valutare le ipotesi che sono venute fuori nel corso della discussione, sperando in un celere intervento da parte dell’Asl. Abbiamo parlato del futuro di questo ospedale, di ciò che si andrà a fare e valutato ciò che si potrebbe fare. È una realtà che non trascureremo assolutamente”.

“La situazione è difficile, i turni diventerebbero massacranti ma siamo disposti a fare un piccolo sacrificio – le parole del Consigliere Comunale Claudio Barile, infermiere – anche se speriamo vivamente che l’Asl proceda mediante assunzioni anche a tempo determinato di nuovo personale. Ci chiediamo perché siamo arrivati a questo, i vertici dell’Azienda avrebbero dovuto strategicamente prevedere una situazione del genere e intervenire prima. Se non avvenisse niente di tutto ciò ci vedremmo impossibilitati alla copertura dei servizi, e sarebbe un peccato”

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati