Espianto di organi al Ruggi, donatrice una donna colpita da emorragia cerebrale

Espianto di organi all’ospedale di Salerno. L’atto di generosità viene dai familiari di una donna ucraina, nata nel 1950 e residente ad Amalfi, giunta presso la Rianimazione del presidio ospedaliero di via San Leonardo nella mattinata di martedì scorso con una emorragia cerebrale massiva. Venerdì mattina, alle 11, è cominciata l’osservazione di morte terminata alle 17.

Verificata la rarità del gruppo sanguigno della donatrice, è scattata la ricerca in tutta Italia. E’ emersa subito la necessità di ricevere il fegato dall’ospedale di Padova mentre, in nottata, è stata organizzata una staffetta con le auto della Polizia Stradale per portare a Roma prelievi per effettuare i test di compatibilità per un paziente lì ricoverato. Verificata la compatibilità, questa mattina alle 7 è cominciato il prelievo.

Il fegato è andato a Padova mentre per i reni è stata organizzata un’altra staffetta per portarli velocemente a Roma. La direzione generale del “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” ha espresso un “sincero ringraziamento per l’opera svolta non solo dal personale della Rianimazione, ma anche dalle forze di polizia, sempre presenti in queste circostanze, ed il cui supporto è stato determinante per portare a felice compimento il trasferimento dei reni da Salerno a Roma dove sono stati trapiantati”.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati