“Ferdinando” in scena al Teatro La Ribalta di Salerno con la Compagnia Rosso e Nero

Sabato prossimo, 20 Maggio alle ore 21.00 il Sipario del Teatro La Ribalta (direzione artistica di Valentina Mustaro) si aprirà su uno dei drammi più belli e intensi della drammaturgia contemporanea: il capolavoro del compianto Annibale Ruccello, portato in scena da un cast d’eccezione per la compagnia Rosso e Nero, con la regia di Antonietta Barcellona.
«È il secondo tributo d’onore che facciamo in questa stagione: dopo “Vestire gli ignudi” di Pirandello per i 150 anni dalla sua nascita, è la volta di Ruccello. Proprio per noi che lavoriamo prevalentemente sull’inedito e sulla nuova produzione, l’omaggio è ancora più sentito.»

È il 1870 nella residenza di campagna della Baronessa Lucanigro (Antonietta Barcellona), esponente della vecchia nobiltà Borbonica in declino. Le fanno compagnia sua cugina Gesualda (Stefania Autuori) in vesti anche di cameriera e infermiera; e le visite quotidiane del noioso don Catello (Piero Pepe). Ma l’arrivo del nipote Ferdinando (Danilo Napoli) sconvolgerà in ogni modo tutti gli equilibri di quel vecchio Palazzo, e non solo.

Una commedia che diventa un dramma passionale, toccando il noir. Una storia fosca, nella quale i quattro personaggi riescono a diventare l’emblema dell’intera società.

«Mi sono avvicinata a questo testo con decisione, ma in punta di piedi. La sua forza mi ha trascinato completamente, e sapevo che sarebbe successo. Rispetto ad un testo di Annibale Ruccello non puoi avere mezze misure: le sue opere sono di una forza straordinaria e meritano un’eco sempre maggiore. Ringrazio gli attori, e specialmente Piero Pepe, che è stato anche amico di Ruccello, per aver voluto condividere con me questa bellissima avventura».

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati