Frana. Agovino: “Canfora continua a mentire alla Città e alla sua maggioranza”

“Il Sindaco Canfora continua a mentire alla Città e alla sua stessa maggioranza”. Così il consigliere di Forza Italia, Giuseppe Agovino, che con una lettera replica al sindaco Canfora in merito alla vicena dei risarcimenti ai familiari delle vittime della frana.

“Sig. Sindaco,

nel prendere nota della sua tempestiva e gradita risposta alla nostra interrogazione, cosa per la quale la ringraziamo, dobbiamo precisare quanto segue per amore della verità: è proprio il senso di responsabilità, e la conseguente preoccupazione degli impatti delle sentenze sul bilancio del Comune, che ci ha indotto a rivolgere 7 specifici quesiti, che non trovano alcuna risposta nella sua nota, dato che Lei si limita a dire: “stiamo operando di concerto con Prefettura e Governo”; il che vuol dire: non sappiamo cosa fare, confermando che il problema da noi sollevato esiste ed è attuale; la questione è semplice, non si tratta di operare di concerto, bensì di aver trovato, o meno, gli stanziamenti necessari per far fronte al fabbisogno finanziario.

I fatti sono altri e parlano da soli, e le danno torto marcio. Gli stanziamenti sono fermi a 15 milioni, sono largamente insufficienti e, quel che appare più preoccupante, nessun rimborso è stato previsto per il Comune di Sarno a fronte delle somme eventualmente pagate per le sentenze di risarcimento.

Gli stanziamenti necessari (ben oltre i 60 milioni) non sono stati previsti né nella legge di stabilità 2016, né nel decreto legge 113/2016; il che vuol dire che il Governo, per ben due volte, non li ha voluti stanziare; per cui davvero non si capisce perché li debba stanziare ora, e tantomeno cosa stiate concertando con Prefettura e Governo.

Di più. Ci risulta, ci smentisca se può, che Avvocatura dello Stato stia appellando le sentenze chiedendo che l’onere dei risarcimenti gravi in misura maggiore sul COMUNE DI SARNO, in quanto ritenuto maggior responsabile degli eventi. Se questi sono i risultati del concerto possiamo stare sereni!!
Infine.

Nella sua nota Lei fa un richiamo all’operato delle precedenti amministrazioni. Questo richiamo è davvero fuori luogo. Infatti il provvedimento che disponeva il pagamento delle provvisionali è diventato definitivo solo con la sentenza della Cassazione del 2013; a ciò si aggiunga che, vertendo in materia di responsabilità solidale, è regola di sana e prudente amministrazione cercare di non essere i primi a dover pagare; l’esatto contrario di quanto fatto dalla sua Amministrazione; Conseguentemente l’iter per il recupero delle somme dovute dagli altri Enti responsabili in solido non solo è un ATTO DOVUTO, ma appare del tutto tardivo, e soprattutto è un rimedio a un grave errore; il che apre anche più di un interrogativo sul perché il Comune abbia inteso anticipare per intero l’importo delle provvisionali e sulle conseguenze, anche di carattere erariale, di questa scelta errata.

Sig. Sindaco, abbiamo bisogno di un’amministrazione seria, che dica come stanno le cose, si confronti con la minoranza, e insieme avvii a soluzione il problema. Mettere la testa sotto la sabbia, fare finta che il problema non esista, è il modo migliore per fare del male a Sarno. E fa specie il silenzio di chi sa e tace anche all’interno della stessa maggioranza”.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati