La Guardia di Finanza ferma due “scafisti”

La Compagnia della Guardia di Finanza di Marsala ha proceduto negli scorsi giorni al fermo di due cittadini tunisini, dediti al traffico di migranti ed al contrabbando di sigarette.

Il provvedimento di fermo è stato emanato dalla Procura della Repubblica di Marsala all’esito di indagini scaturite da uno sbarco di immigrati clandestini intercettato lo scorso febbraio sulle coste di Capo Granitola, con l’ausilio dei mezzi aerei e navali del Gruppo Aeronavale di Messina e della Sezione Operativa Navale di Mazara.

A sbarco appena avvenuto erano stati fermati 8 immigrati clandestini, mentre cercavano di nascondersi tra i canneti prospicienti la spiaggia ove era attraccato il gommone, a bordo del quale erano stati anche rinvenuti ben 320 kg. di sigarette di contrabbando.

Le indagini hanno consentito di ricostruire le modalità del viaggio: circa 7 ore per attraversare il Canale di Sicilia, dalle coste tunisine per approdare su quelle siciliane, ammassati a bordo di un gommone equipaggiato con due motori potentissimi, sotto la costante minaccia di armi e violenza da parte degli organizzatori.

Sulla base degli elementi così acquisiti, è stato quindi possibile individuare, mediante riconoscimento fotografico, i due “scafisti” che sono stati poi condotti in carcere.

Nei loro confronti, pertanto, la Procura della Repubblica di Marsala, condividendo le
risultanze investigative, ha emesso il provvedimento di fermo di indiziato di delitto: si tratta
di di un 30enne e un 27enne, entrambi di origini tunisine, regolarmente domiciliati sul territorio nazionale, il primo a Marsala, il secondo a Cesena.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati