La polizia arresta due rapinatori sul Lungomare Trieste. Esplosi colpi di pistola

Gki agenti della sezione volanti della Questura di Salerno, durante il servizio di controllo del territorio sul lungomare Trieste, nella notte, hanno arrestato due uomini extracomunitari del Gambia, responsabili del reato di rapina a danno di due giovani egiziani, nonché violenza e resistenza a pubblico ufficiale. Sul posto era presente anche un terzo giovane egiziano, risultato estraneo alla vicenda ma denunciato per resistenza in quanto in seguito al primo controllo degli agenti si opponeva all’operato della volante.

Nei pressi del largo del marinaio, gli agenti hanno notato i due cittadini extracomunitari che stavano aggredendo altri due giovani extracomunitari. I poliziotti sono intervenuti per i controlli ma, tre uomini si sono dati alla fuga in direzione del sottopiazza. Nel frattempo i due soggetti rimasti sul posto, egiziani regolari sul territorio nazionale, hanno chiesto l’aiuto degli agenti: uno di loro, infatti, era stato appena rapinato di un telefono cellulare e subito dopo erano stati aggrediti.

Gli agenti hanno inseguito, in direzione della spiaggia del lungomare dove i due hanno provato di nascondersi tra le imbarcazioni ma sono stati accerchiati e arresati. Nel corso dell’ inseguimento sono stati esplosi con la pistola d’ordinanza quattro colpi in aria a scopo intimidatorio.

In seguito a perquisizione è stato recuperato il telefono cellulare, provento di rapina in danno del giovane egiziano. Le due vittime hanno fatto ricorso alle cure del pronto soccorso con prognosi rispettivamente di cinque e tre giorni.

Uno dei rapinatori è minorenne ed è entrato in Italia con lo sbarco del 26 maggio a Salerno. Il giovane ha precendeti penali per alcuni reati commessi dopo il suo ingresso in Italia e risulta destinatario di una misura cautelare di collocamento in istituto penale minorile in seguito a reiterati allontanamenti dalla casa famiglia in cui era stato collocato in misura cautelare a seguito della rapina. L’alto giovane, invece, era sbarcato a Catania con altri migranti nel 2016 nato in Gambia nel 1998, senza fissa dimora, incensurato.

Sul posto era presente anche un terzo uomo, nato nel 1999 in Gambia, e residente in Avellino, regolare sul territorio nazionale, risultato estraneo ai fatti ma nei cui confronti si è proceduto in stato di libertà per resistenza a pubblico ufficiale in quanto ha cercato con forza di sfuggire al controllo di polizia, nonostante gli fosse intimato l’alt più volte.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati