La salernitana Maria Gabriella Marotta al lavoro per il Piano Antiviolenza

Avrà la firma anche della socialista salernitana Maria Gabriella Marotta il nascente Piano Antiviolenza sulle donne a cui sta lavorando la Commissione Regionale Pari Opportunità, presieduta da Natalia Sanna eletta lo scorso 20 luglio. Istituito lo scorso 8 marzo con decreto del Consiglio regionale della Campania la Commissione ha la finalità di mettere in campo tutte le azioni necessarie per la realizzazione della parità dei diritti e delle opportunità fra uomo e donna.

Per la redazione del Piano si terrà conto concretamente dei bisogni delle donne e punterà sugli strumenti necessari a rafforzare i percorsi di libertà e di autodeterminazione delle donne.

“Quello della violenza di genere ed in particolare del femminicidio è un dramma sociale che richiede azioni forti e mirate – spiega Maria Gabriella Marotta – Purtroppo i dati raccolti fino ad oggi parlano di cinquanta donne, dall’inizio dell’anno, vittime di violenza: in pratica una media di una vittima ogni tre giorni. Il mio impegno sarà quello di contribuire in Commissione in modo fattivo, anche alla luce della mia esperienza professionale. La mia sarà la voce dell’intera provincia di Salerno anche perché rivesto il ruolo di responsabile provinciale Coordinamento Donne del PSI”.

Avvocato civilista, tributarista e del diritto di famiglia. Maria Gabriella Marotta ha ricoperto il ruolo di Vice Pretore prima e Giudice Onorario del Tribunale di Salerno dopo. Membro del Comitato dell’imprenditoria femminile della Camera di Commercio di Salerno, ha alle spalle un percorso politico che l’ha portata a rivestire il ruolo di presidente del Movimento femminile e Responsabile provinciale delle pari opportunità. Oggi è responsabile dello sportello SOS Diritti istituito in seno al Partito Socialista di Salerno ed è la referente dello Sportello Rosa di Acerno.

Informazioni sull'Autore

Sito di informazione. Servizi giornalistici video e testuali 24 ore su 24 dall'Agro Nocerino Sarnese, Area Vesuviana, Monti Lattari, Valle dell'Orco e Valle Metelliana e Salerno Nord.

Articoli correlati